Renzi, senza voti destra referendum perso

12 Ottobre, 2016, 15:09 | Autore: Benvenuta Pasqualone
  • Matteo Renzi

A dirlo è il presidente del Consiglio Matteo Renzi, in un'intervista a Il Foglio.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. "Chiarito che "'il referendum si vince a destra' non è una bella frase detta dal segretario del Pd, e non è una bella frase detta dal presidente del Consiglio" perché bisognerebbe "tenere assieme questo Paese", il leader di SinistraDem si richiama "alla coerenza dell'uomo" per dire che "manterrà l'impegno" a dimettersi in caso di vittoria del no.

Di conseguenza, continua Cuperlo, "l'idea di mettere sul piano della bilancia i voti della destra, magari con delle aperture come quella sul ponte in contrapposizione ai veti della sinistra, temo che rischiamo di svegliarci il giorno dopo il referendum, chiunque vinca, con delle istituzioni non più solide ma più fragili, con un paese più diviso e anche con una sinistra più divisa". "La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi". "Che vogliamo ridurre gli spazi di democrazia, mentre noi stiamo riducendo le poltrone".

"La questione vera oggi è la destra". Secondo il premier-segretario infatti "l'elettore di destra oggi si trova di fronte a due scelte: votare sul merito, non votare sul merito". Chi afferma il contrario, sibila, "vuol restare minoranza ma per cambiare le cose bisogna essere maggioranza". "Oggi si discute di Italia, non di una persona". "Oggi si discute di Italia, non di una persona", sottolinea.

"Il referendum non è il congresso Pd".

Alcuni osservatori ipotizzano che in caso di sconfitta Renzi potrebbe non andarsene ma si accorderebbe con Berlusconi o Parisi per continuare a governare. "Poi sara' il Presidente della Repubblica a decidere come procedere" - Ha detto Stefano Parisi - "Spero - ha aggiunto - che si torni presto al voto". Per l'ex segretario del Pd, la nuova legge elettorale favorirebbe la "destra", grazie anche a temi caldi come l'immigrazione, crisi economica e fisco che non si abbassa.

Quanto alle elezioni americane, "se vince Trump è difficile fare previsioni su tutto", dice il premier. Ecco cosa ha detto il premier su questo punto: "D'Alema sui punti della riforma, per storia personale, è totalmente d'accordo". Il premier Matteo Renzi ha sempre portato alto l'orgoglio nei confronti di entrambe le riforme, ma oggi a Perugia ha dichiarato: "A me costa fatica perché credo che l'Italicum sia la legge elettorale perfetta, funziona benissimo".

Raccomandato: