Roma, i migranti del Baobab ospiti nel giardino della basilica del Verano

12 Ottobre, 2016, 20:51 | Autore: Benvenuta Pasqualone
  • Roma, i migranti del Baobab ospiti nel giardino della basilica del Verano

"Oggi in Assemblea capitolina ho ricordato che la nostra amministrazione si è attivata da subito per trovare un luogo o più luoghi che fossero destinati all'accoglienza di coloro che vengono chiamati migranti transitanti". "Qualcuno con una battuta mi ha detto:'È complesso oggi, prima bastava chiamare Buzzi e si risolveva tutto´, ha detto la sindaca". Parliamo di transitanti, ma nessuna legge ne parla, ci siamo inventati una categoria. Si stima che siano 150 i migranti costretti a dormire in strada dopo lo sgombero dell'accampamento di via Cupa della scorsa settimana.

Una soluzione temporanea, in attesa della seduta straordinaria in Campidoglio, prevista per martedì alle 15 e che ha l'obiettivo di individuare una strategia (e una struttura) per l'accoglienza dei transitanti che arrivano giornalmente in città.

"Parlare di emergenza migranti è sbagliato, sono persone che ormai stanno qui e vanno sistemate in maniera strutturale e organica". Queste le parole della sindaca di Roma, Virginia Raggi, nel corso del Consiglio straordinario sulla questione del Baobab e dei migranti accampati in via Cupa.

"Il tema dell'accoglienza impegna l'amministrazione solamente a dare accoglienza, perché purtroppo non ci sono dati poteri per regolamentare il fenomeno". "Ci siamo trovati ad affrontare un'emergenza che dipende dall'inerzia di tante istituzioni che di fatto si devono occupare dell'accoglienza - ha aggiunto -".

"Già nella riunione del Comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza a luglio su via Cupa si parlava di dove farli andare perché la soluzione di farli stare in strada non va bene né per loro né per i residenti della zona: da lì è partito un tam tam per capire quali centri fossero disponibili ad accoglierli, ma con un'approssimazione che mi ha fatto molto preoccupare, e non per colpa degli uffici", ha detto. "Se sarà più difficile, mi dispiace, ma non per questo troveremo scorciatoie".

A questi bisogna aggiungere centinaia e centinaia di migranti che continuano a transitare per Roma e che non trovano più quello che fino ad oggi è stato un punto di riferimento sicuro per evitare di finire nell'abbraccio di trafficanti ed approfittatori. Lavoriamo per gestire l'emergenza ma dobbiamo farcene carico tutti insieme.

"Per questo - ha spiegato - abbiamo avviato un'interlocuzione con Governo e prefetto, perché il tema va affrontato da tutte le istituzioni in modo congiunto".

Raccomandato: