Leopolda 7 apre i battenti con Richetti Politica

05 Novembre, 2016, 07:32 | Autore: Fausta Monteleone
  • Leopolda 7 apre i battenti con Richetti Politica

E intanto, oltre che per Beppe Grillo, ne ha anche per la Lega Nord: "Matteo Salvini è meraviglioso".

ROMA Palazzo Vecchio e la stazione Leopolda, due luoghi simbolo per Matteo Renzi dove appena può torna per fare il pieno della pozione magica che, a detta dei suoi, "dà forza e la spinta giusta per riuscire a resistere ai contorsionismi del Palazzo e alle trame del potere che si respirano a Roma". Renzi, che in mattinata in Cdm ha varato il secondo decreto sull'emergenza, vuole che quest'anno la Leopolda, che negli anni ha lanciato tante idee ora realizzate o in fase di realizzazione, abbia più che mai l'aspetto di un cantiere aperto per il Paese: "Per chi ha voglia di crederci tutto è possibile".

Una manifestazione quella del No che si preannuncia una delle più partecipate degli ultimi periodi, organizzata dal comitato Firenze dice No, composto da varie realtà del territorio e della Toscana come il Movimento di lotta per la casa, realtà universitarie, studenti e il sindacato di base. A dar fuoco alle polveri è stato no della questura, per ragioni di ordine pubblico, al corteo annunciato per domani dal comitato "Firenze dice no": autorizzato solo un presidio fisso in centro, in piazza Santissima Annunziata. "C'è da ricostruire una chiesa, quella di San Benedetto da Norcia patrono d'Europa, ma anche un'Unione europea che si gira dall'altra parte quando si parla di immigrazione". Striscione e manifesti sono stati appesi alla cancellata della Leopolda e mentre stava per iniziare la conferenza stampa.

Si alza il sipario sulla Leopolda numero 7. Noi - aggiunge - applichiamo fedelmente le leggi che i governi ci danno, quindi è l'ora di finirla di dire che siamo dei vampiri, perché applichiamo solo quello che il governo stabilisce: dia leggi eque, e noi le applicheremo. "Sorridenti come sempre". Nella sala principale i tavoli rotondi hanno preso il posto delle file di sedie dello scorso anno e aquiloni color pastello e origami a forma di uccelli sovrastano il palcoscenico. I piedi ben piantati sulla terra li abbiamo.

Poi un passaggio sul referendum: "Il nostro grande avversario non è il fronte del no ma chi si ferma alla denuncia". Il pomeriggio, dopo l'intervento dell'imprenditore Brunello Cucinelli, che presenterà un progetto per Norcia, sarà invece dedicato ad approfondire i temi legati alla riforma costituzionale, con l'intervento della ministra Maria Elena Boschi.

Raccomandato: