Al via la settimana del diabete: prevenzione e visite gratis

08 Novembre, 2016, 04:54 | Autore: Fausta Monteleone
  • Al via la settimana del diabete: prevenzione e visite gratis

Peraltro, i tassi di progressione della malattia sono abbastanza consistenti: si calcola che 3 milioni di persone abbiano il diabete di tipo 2 e che siano diagnosticate e seguite, ossia si parla del 4,9% della popolazione, mentre 1 milione di persone è affetto dal diabete di tipo 2, senza opportuna di diagnosi: l'1,6% della popolazione.

Per favorire la diagnosi precoce, ogni anno l'OMS promuove la Settimana del Diabete, una serie di eventi e iniziative che hanno lo scopo di informare sulla prevenzione e cura del diabete. In circa 500 città d'Italia saranno centinaia gli eventi organizzati con l'aiuto di medici, infermieri, professionisti sanitari e istituzioni.In Piemonte numerose le città mobilitate: Alessandria, Acqui Terme, Castelnuovo Scrivia, Ovada, Castelnuovo Don Bosco, Asti, Biella, Cuneo, Bra, Racconigi, Arona, Borgomanero, Mappano Caselle, Chivasso, Grugliasco, Orbassano e Torino dove sono coinvolti 14 ambulatori veterinari. I gazebo e i banchetti saranno attrezzati per effettuare una valutazione del rischio, effettuare screening gratuiti o semplicemente distribuire depliant e materiale informativo dedicati alla prevenzione e alla corretta gestione del diabete.

Il diabete Tipo 1 e 2 - Tornando agli esseri umani, i tipi di diabete più diffusi sono due. La Giornata Mondiale del Diabete è la più grande manifestazione del Volontariato in campo sanitario, è realizzata con il Patrocinio del Ministero della Salute, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il patrocinio della Croce Rossa Italiana, Anci, CONI e la collaborazione del Segretariato Sociale Rai. "Un'altra cosa sono i possibili "diabetici di domani", bambini sovrappeso che hanno i primi segnali di un aumento del rischio, che va scongiurato con più attività fisica e una migliore alimentazione, se possibile prima della pubertà". La novità di quest'anno è la settimana di prevenzione negli ambulatori di Diabetologia e presso i medici di famiglia, che dal 7 al 13 novembre saranno a disposizione per effettuare screening gratuiti al fine di individuare i casi di diabete misconosciuto o di prevenire/ritardare l'insorgenza della malattia con suggerimenti idonei sullo stile di vita. Insieme al controllo del peso, all'attività fisica e ad un'alimentazione sana, dopo i 40 anni è doveroso controllare la glicemia ogni 2-3 anni in rapporto al tipo di rischio.

Il numero di persone con diabete di tipo 1 cresce soprattutto perchè ormai è possibile garantire a chi segue le cure una attesa di vita sovrapponibile a quella della popolazione generale.

Anche in altri Paesi avanzati si è riscontrata una crescente incidenza del diabete di tipo 1. Il calendario delle iniziative è disponibile sul sito www.giornatadeldiabete.it (nella sessione "La mia piazza"). Compare con maggiore frequenza in cani e in gatti di età media o avanzata. Nel caso del diabete di tipo 1, il paziente deve assumere quotidianamente insulina (sotto varie forme) per compensarne la mancanza nell'organismo. Nel cane, si è osservata una predisposizione genetica in alcune razze come i barboncini, gli yorkshire, i golden retriever, i labrador e i pastori tedeschi. Una tempestiva diagnosi e una terapia insulinica permettono all'animale diabetico di vivere una vita normale.

Raccomandato: