Dimissioni per Maestro Ordine Malta

26 Gennaio, 2017, 00:47 | Autore: Santina Resta

Papa Francesco ha chiesto al Gran Maestro dell'Ordine di Malta di dimettersi e pare che quel "suggerimento" non sarà ignorato. La rimozione, che Bergoglio aveva esplicitamente chiesto di evitare, era dettata dai dissensi rispetto alle politiche dell'Ordine, in particolare riguardo alla distribuzione di profilattici contro l'Aids agli assistiti nei Paesi in via di sviluppo. Una sostituzione che non era piaciuta a Papa Francesco tanto che aveva istituito una commissione di inchiesta per indagare sui metodi utilizzati per silurare il gran cancelliere. Ma sappiamo com'è finita quella guerra. "La nomina di cui sopra è il risultato di un equivoco della Segreteria di Stato della Santa Sede".

Il pontefice aveva chiesto al Gran maestro di lasciare il suo incarico in un incontro martedì 24 gennaio 2017. Festing ha rifiutato di cooperare, dichiarando la commissione illegittima e denunciandola come un'intromissione negli affari sovrani dell'Ordine. Lo fa sapere il Vaticano, ricordando che ieri il Papa ha ricevuto in udienza il Gran Maestro del Sovrano Ordine Militare di Malta.

C'è però molto nervosismo in questa mossa. Ma ormai era già troppo tardi e l'unica exit strategy era quella delle dimissioni di Festing decise da Bergoglio. Con le dimissioni di Festing si chiude una fase piuttosto burrascosa per l'Ordine. Atteggiamento contrario alla morale cattolica, sentenziò subito Festing, supportato dal Patrono, il cardinale Raymond Leo Burke che invano chiese direttamente al Papa di avallare la scelta di sostituire il Gran Cancelliere.

PAPA FRANCESCO - Papa Francesco, "accettando" le dimissioni del Gran Maestro dell'Ordine di Malta Fra' Mattew Festing, esprime "apprezzamento e riconoscenza per i sentimenti di lealtà e devozione nei confronti del Successore di Pietro e la disponibilità a servire umilmente il bene dell'Ordine e della Chiesa".

Una vicenda per certi aspetti grottesca che getta nel ridicolo una nobile istituzione secolare, diffusa in modo capillare nei cinque continenti, che si è sempre distinta in modo glorioso per le suo opere nel campo sociale e particolarmente in quello sanitario.

Gli Stati con i quali l'Ordine intrattiene rapporti diplomatici riconoscono al Gran Maestro, in quanto Capo Supremo dell'Ordine, le prerogative, le immunità, i privilegi e gli onori spettanti ai Capi di Stato, nonché il titolo di Altezza Eminentissima. Per questo il Papa è intervenuto. I chiodi si rimuovono facendo pressione verso l'alto. Lo ribadisco: rifiuto il conflitto. "Oppure si lasciano da parte per il riposo, quando arriva l'età del pensionamento".

Raccomandato: