Alitalia, nel piano 2.037 esuberi. I sindacati: sciopero il 5 aprile

18 Marzo, 2017, 09:55 | Autore: Doriano Lui

Lo si apprende da fonti sindacali. Le eccedenze di organico a tempo indeterminato si attestano a 1.338 unità, 558 quelle a tempo determinato e 141 sono gli esuberi del personale impiegato all'estero. Agli esuberi del personale di terra si aggiungerebbero poi quelli del personale navigante, circa 400, ai quali scade il contratto di solidarietà alla fine dell'anno.

Sul nuovo piano industriale è intervenuto il segretario generale Uil Trasporti Claudio Tarlazzi. Nello specifico, il 28% del taglio di stipendio riguarderebbe i piloti a medio raggio e il 22% per quelli a lungo raggio. E i sindacati rispondono proclamando uno sciopero per il 5 aprile 2017 della durata di 24 ore. Previste circa 500 assunzioni di personale navigante - fra piloti e assistenti di volo - ma solo dal 2019, e l'ingresso in flotta nell'arco del piano di 8 aeromobili per il lungo raggio, cui si aggiunge quello già arrivato a gennaio, funzionali all'incremento del lungo raggio con l'apertura di una decina di nuove rotte. Il piano industriale di Alitalia presentato oggi al governo "è un piano molto ampio che contiene numerosi elementi da approfondire e richiede un'implementazione rapidissima". "Chiediamo pertanto al Governo e alle istituzioni locali, in primis alla Regione Lazio e al Comune, di farsi carico di questa vicenda - concludono i due sindacalisti - e di intervenire con urgenza per arginare questa ennesima emorragia occupazionale". Lunedì prossimo il 40% dei voli nazionali ed internazionali di Alitalia saranno cancellati per un'agitazione di alcune sigle sindacali dei controllori di volo dalle ore 13 alle 17 e per uno sciopero proclamato dalla sigla sindacale CUB Trasporti (e per gli aeroporti di Milano anche il sindacato USB) per l'intera giornata del 20 marzo, ad eccezione delle fasce garantite 7 - 10 e 18 - 21, del comparto aereo. Che ha fatto infuriare i sindacati. I cambiamenti sono stati giudicati "essenziali" dall'ad, che assicura: "Insieme ai sindacati e con il sostegno del governo italiano, lavoreremo, come è giusto e doveroso che sia, per cercare il modo per ridurre il più possibile l'impatto sociale del piano sul personale coinvolto". Alitalia invita tutti i viaggiatori che acquistato un biglietto per volare il 20 marzo a verificare lo stato del proprio volo, prima di recarsi in aeroporto. Negli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate la compagnia ha previsto un rafforzamento del proprio personale per assicurare la massima assistenza ai clienti.

Raccomandato: