Muore a Roma Gianni Boncompagni all'età di 84 anni

19 Aprile, 2017, 07:32 | Autore: Bianca Mancini
  • Muore a Roma Gianni Boncompagni all'età di 84 anni

La camera ardente di Gianni Boncompagni sarà allestita martedì 18 aprile a Roma, alle 12, nella sede Rai di via Asiago 10. Boncompagni, una vita tra radio e tv PHOTOSTORYBaudo, ha segnato la storia di radio e tv - "Gianni Boncompagni è stato un pilastro, ha segnato la storia della radio e della tv", dice affranto Pippo Baudo apprendendo la notizia della scomparsa di "un grande amico". Autore negli anni '60-'70 di programmi radiofonici di successo come Bandiera gialla e Alto gradimento, nel 1977 Boncompagni debutta in tv con Discoring, dove - stando a un'intervista della cantante - fu tra quelli che diffuserò la diceria che Mia Martini portasse sfiga. Secondo noi la summa ideologica del suo modo di fare spettacolo, con più livelli di lettura, è Non è la Rai, che per quattro anni (dal 1991 al 1995) ha allietato il primo pomeriggio di giovani e meno giovani trasformando ragazze carine, o poco di più, in personaggi di notorietà nazionale, senza bisogno di volgarità o di fare qualcosa di particolare. L'autore, conduttore e regista si è spento all'età di ottantaquattro anni a Roma.

Nato ad Arezzo nel 1932, aveva tre figlie Claudia, Paola e Barbara che hanno così annunciato la sua morte: "Dopo una lunga vita fortunata, circondato dalla famiglia e dagli amici se n'è andato papà, uomo dai molti talenti e padre indimenticabile". Sua l'idea del primo show a conduzione femminile Pronto, Raffaella? Nello studio B, già gremito, alle pareti, grandi foto di Boncompagni al lavoro e con gli amici di sempre. Mi è stato risposto che non c'è solo l'Italia, quei successi sono in tutto il mondo. Al suo approdo in televisione invece è stata subito rivoluzione: Gianni Boncompagni ha infatti creato i primissimi "programmi salotto" con Raffaella Carrà prima ed Enrica Bonaccorti poi, reinventando anche il quiz pomeridiano per i telespettatori da casa. E' stato un grande scenografo, un eccezionale regista, un abile creatore di effetti.

Fazio:"L'intelligenza, l'allegria e l'ironia di Gianni Boncompagni, ci mancheranno tantissimo...". Bendicta Boccoli trovando il sorriso ha aggiunto che più invecchia e più sente di essere simile a lui. Ci conoscemmo ai tempi di quando frequentavamo il corso di maestro programmatore, eravamo compagni di banco. "La tv di oggi non gli interessava più, non la guardava, non era nelle sue corde", ha concluso il famoso presentatore.

Raccomandato: