Fincantieri, siglato l'accordo per l'acquisto di Stx France

19 Mag, 2017, 17:28 | Autore: Doriano Lui
  • Fincantieri sigla accordo per 66,6% di Stx France prezzo 79,5 mln

L'accordo prevede un prezzo di acquisto per la quota oggetto dell'operazione di 79,5 milioni di euro, che Fincantieri pagherà tramite risorse finanziarie disponibili. Fincantieri è assistita da BNP Paribas in qualita' di advisor finanziario. Bono ha ricordato di aver sempre voluto la presenza dello stato francese in Stx "che - ha aggiunto - ci lascia la gestione della società, riservandosi alcuni diritti". "Abbiamo concluso l'operazione nel migliore dei modi": lo ha detto l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, commentando la firma dell'accordo per l'acquisizione del 66,66% di Stx France, all'assemblea degli azionisti della società, in corso a Trieste. "Se poi arriva un contratto grande sul militare possiamo superare questa cifra di molto", ha aggiunto Bono, ricordando che Fincantieri e' in short list in Australia per fregate da costruire in loco: "E' un programma di dimensioni colossali". "Io ribadisco "chapeau" allo stato francese che difende i propri insediamenti industriali, come auspico che faccia anche lo stato italiano": "Stamattina - ha riferito Bono sorridendo e minimizzando la cosa - ho ricevuto molti complimenti nei quali mi hanno sottolineato che per la prima volta, dopo dieci anni, acquisiamo una società francese". "La competizione deve essere fra Europa e resto del mondo", ha proseguito nella sua relazione l'Ad. "Siamo il primo costruttore navale europeo e dobbiamo crescere - ha detto Bono riferendosi specificatamente a Fincantieri - La sfida per il futuro è spingere ancora di più sulla strada del consolidamento dell'industria europea". Bono ha ricordato i numeri del 2016, l'aumento della marginalita' e il recupero sul cash flow per poi sottolineare che Fincantieri ha pagato negli ultimi 20 anni per gli oneri sull'amianto "216 milioni che considero un'ingiustizia per fatti successi trent'anni fa".

Risultati in linea con gli obiettivi del Piano Industriale 2016-2020: ricavi al 31 marzo 2017 in incremento del 5,3% rispetto al medesimo periodo del 2016, EBITDA margin 6,0% in netto miglioramento rispetto al 4,9% del 31 marzo 2016.

Raccomandato: