Casa » Sport

Il Chelsea di Conte trionfa in Premier

19 Mag, 2017, 22:23 | Autore: Eufebio Giannola
  • Conte all'Inter

La formazione di Pep Guardiola domina in lungo e in largo per un'ora buona, ha però il demerito di non raddoppiare e si fa rimontare dalle reti di Diego Costa, Willian e Hazard che sanciscono il trionfo dei Blues all'Etihad. Solo l'anno scorso il decimo posto che faceva pensare ad una profonda rifondazione. "Intensità", "pressing", "movimento continuo" sono le parole mantra di Antonio Conte che rispetto ai suoi colleghi similari nella concezione riesce a mettere qualcosa di diverso: l'amore della gente. Ora il meritato trionfo. Un esaltazione artificioso provvedimento poi provvedimento, col salentino cosa la scorsa bella stagione si è concesso da poco qualche giornata che post-Europei precedentemente che cacciarsi al affare a Cobham.

Il secondo tempo si apre senza cambi, ma con Moses subito pericoloso al 47': il numero 15 finta il traversone e prova il destro da posizione defilata, ottima la risposta in tuffo di Foster.

Nella ripresa il Chelsea è rientrato trasformato, rivitalizzato probabilmente dai proclami e dagli urlacci del suo mister italiano, che aveva la seria intenzione di vincere la Premier alla prima occasione utile. Si sognava. Ma la squadra consegnata al tecnico italiano andava prima di tutto rifondata. A settembre a qualcuno all'interno del club balenò la folle idea di esonerarlo, dopo le sconfitte con Liverpool e Arsenal. Per quanto riguarda la linea difensiva, il nome preferito da Conte è sicuramente quello di Leonardo Bonucci: il centrale della Juventus era uno degli uomini imprescindibili durante l'esperienza in bianconero dell'allenatore. Così si prende dei rischi e cambia. All'infanzia le masserizie sono andate eccellentemente, tre vittorie e un adatto nelle prime 4 uscite obiezione senza accorgersi.

Un campionato, si diceva, di livello straordinario in cui non sono comunque mancati momenti difficili.

Dopo un primo tempo bloccato sullo 0-0, i 'Blues' escono rivitalizzati dagli spogliatoi. Può gioire anche Antonio Conte, per un successo che - ad inizio stagione - non sarebbe stato semplice da pronosticare. "Era severissimo solo con me, voleva dimostrare agli altri che il figlio non aveva favoritismi". Fabregas, ritrovato metronomo di un centrocampo che non riusciva più ad essere incisivo. Ed infine Diego Costa. Ringrazio anche i tifosi e il mio staff, hanno fatto davvero un lavoro fantastico.

Antonio Conte si laurea campione d'Inghilterra con il suo Chelsea, diventando il quarto allenatore italiano a riuscire in questa impresa.

Raccomandato: