Passato nel Cdm l'obbligo di vaccinazione per nidi e materne

19 Mag, 2017, 17:15 | Autore: Fausta Monteleone

Via libera del Consiglio dei Ministri al decreto legge proposto dal Ministro Lorenzin che introduce l'obbligatorietà delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola.

"L'evasione dell'obbligo dei vaccini comporterà l'impossibilità di iscriversi al sistema 0-6 che precede la scuola dell'obbligo e per partecipare alla scuola dell'obbligo la mancanza di documentazione produrrà sanzioni che sono dalle 10 alle 30 volte maggiori di quelle esistenti". "Il decreto contiene alcune decisioni fondamentali: rende obbligatorie una serie di vaccini che finora erano stati semplicemente raccomandati". Obbligatorietà anche per vaccini contro morbillo e meningite, fra l'altro. Non si tiene conto che esistono una piccola fetta di cittadini che per motivi di ordine medico è esonerata individualmente dalla vaccinazione. "Rispetto alla scuola dell'obbligo - ha aggiunto, riferendosi allo scontro su questo tema con la ministra Fedeli - ci siamo molto confrontati, ma l'obiettivo del Governo e in particolare del ministero della Salute e' aumentare la copertura vaccinale in tutto l'arco della vita dei ragazzi". Si è scelto di adottare un decreto sui vaccini "perché ci troviamo di fronte alla constatazione del fatto che nel corso degli anni la mancanza di misure appropriate e il diffondersi soprattutto negli ultimi mesi di comportamenti e teorie antiscientifiche ha provocato un abbassamento dei livelli di protezione dal punto di vista dei vaccini". Alcuni dei quali, a partire da quelli contro morbillo e rosolia, saranno considerati obbligatori per l'iscrizione scolastica dei bambini. Per avere un'idea del valore delle sanzioni, quelle vecchie, che non venivano praticamente applicate, erano di 150 euro per la polio e di 250 per l'epatite.

Vaccini, obbligo a scuola: dove è già previsto. Un provvedimento analogo e' stato approvato anche dal comune di Trieste e, in generale, dal Friuli Venezia Giulia.

Il nuovo piano di vaccinazione entrerà in "modo graduale", visto "il sistema sanzionatorio" e la necessità di "aggiornare e coinvolgere le famiglie", ha spiegato il premier Gentiloni. "E il controllo avviene ogni anno, non una tantum", aggiunge. Stanno diventando sempre più numerose le regioni che stanno decidendo di affrontare la questione del calo della copertura vaccinale, mentre è al vaglio l'ipotesi di una legge nazionale.

Il testo sul vaccino obbligatorio per l'iscrizione a scuola approda oggi in Cdm.

Raccomandato: