L'ex consulente della Regione che con dossier anticipò l'inchiesta che scuote Trapani

20 Mag, 2017, 00:10 | Autore: Santina Resta
  • Rolex in cambio di un emendamento sottosegretario indagato

Morace, questa mattina, è stato arrestato con l'accusa di corruzione dai carabinieri di Palermo e Trapani. In cambio di un Rolex datole dall'imprenditore, avrebbe presentato un emendamento che abbassava dal 10 al 4% l'Iva sui trasporti marittimi, determinando un risparmio di milioni di euro per la società di Morace. Secondo le indagini coordinate dalla Procura di Palermo, dal procuratore Lo Voi, dall'aggiunto Petralia e dal pm Battinieri e condotte dai carabinieri dei comandi operativi di Palermo e Trapani, mazzette sarebbero girate attorno ai fondi riguardanti il trasporto marittimo. L'inchiesta ha preso il via, come hanno spiegato gli investigatori nel corso di una conferenza stampa, dal riscontro di "gravi irregolarità circa l'affidamento, proprio a favore della Liberty Lines, dei servizi di collegamento a mezzo unità veloci per le isole Egadi ed Eolie". Vicari dopo aver appreso particolari dell'inchiesta dice: "Poichè la mia permanenza nell'incarico di sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture comporterebbe di affrontare quotidianamente una materia per la quale sono oggi sottoposta ad indagine, al fine di garantire a me e al mondo che è maggiormente interessato al trasporto marittimo e a tutto il Governo che ho avuto l'onore di rappresentare, una maggiore serenità, ritengo opportuno rassegnare le mie dimissioni".

È la storia di un armatore, Ettore Morace, che tenta (riuscendovi) la scalata per conquistare il monopolio delle linee di aliscafi che collegano la Sicilia alle isole minori. Indagata anche il sottosegretario Simona Vicari.

Indagata anche l'ex deputata Marianna Caronia, adesso candidata nelle liste Ferrandelli che, avrebbe ottenuto da Morace una lauta liquidazione da ex dipendente della Siremar. In effetti, però, secondo quanto raccontato dallo stesso Ettore Morace al padre Vittorio, i suoi interlocutori politici non avrebbero trovato una soluzione ai suoi problemi.

Qualche anno fa, nonostante i successi del suo Trapani-calcio, aveva mollato la Sicilia per la Spagna il più grande armatore del Mediterraneo, Vittorio Morace, un napoletano di 76 anni chiamato "il Comandante" anche dalla giovane e bella moglie olandese Annemarie Collart, piazzata al vertice di quel gioiello di famiglia che in serie B è diventata la squadra granata.

"Sono molto sereno e se ci dovesse essere un invito a comparire, che non ho ricevuto perché sono in viaggio, sarò lieto di riferire ai magistrati notizie utili alle indagini", ha commentato all'ANSA Crocetta. Attraverso tale attività illecita, gli armatori Morace sarebbero riusciti ad incamerare importanti informazioni che confermavano i loro sospetti.

Raccomandato: