Casa » Sport

Giro d'Italia: a Rolland la 17esima tappa

26 Mag, 2017, 10:50 | Autore: Eufebio Giannola
  • La gioia di Van Garderen

Nelle parole di Vincenzo Nibali dopo la tappa odierna del Giro d'Italia, c'è il senso della sfida per la maglia rosa che domani, con la tappa dolomitica, vivrà una giornata forse decisiva.

La manifestazione ciclistica più importante del panorama nazionale si disputerà contestualmente alla gara riservata agli amatori con partenza all'autodromo di Monza e arrivo in piazza Duomo a Milano. Stop. Convinzione messa nero su bianco e pubblicata pure sul sito ufficiale del Comune, così come vi mostriamo nella foto. Abbiamo fatto una bellissima tappa, dando grande spettacolo. Al primo gpm passa Luis Leon Sanchez che però deve lasciare il passo al gruppetto formato da Landa, Anton, Kruijswijk, Amador, Hirt e Anacona. Anche Quintana è lì a 32 secondi dal leader della classifica generale.

Quintana e Nibali non hanno accelerato ma nemmeno frenato per attendere il malcapitato, come aveva fatto lo stesso Dumoulin, in nome del fair-play, quando a scivolare a terra era stato Quintana nella tappa di Bergamo. Il siciliano del team Bahrain-Merida si è imposto in una volata a due sul compagno di fuga lo spagnolo Mikel Landa Meana (Sky). Sono contento ed il pubblico è stato fantastico da quando siamo partiti fino ad ora. Dumoulin ha ancora un grande vantaggio in classifica e dalla sua ha anche la crono finale.

La cima Coppi, poi il punto più alto della corsa in rosa. Da lì al traguardo altri 80 km verso Canazei sempre in leggera salita, non impossibili. "Ma so che Vincenzo Nibali e l'olandese Tom Dumoulin venderanno cara la pelle". A 60 km dal traguardo anche lo sloveno viene ripreso, mettendosi al servizio dei compagni. A dir poco stoico, nonostante tutti i problemi e la sfortuna di giornata. Intanto Dumuolin si era portato a solo 1' dai rivali di classifica.

Dumoulin, inoltre ha dovuto fare i conti anche con altri due fattori.

Quintana arriva a dodici secondi, Pozzovivo e Zakarin perdono poco, mentre Pinot accusa un minuto e trentacinque secondi.

Salita che non porterà a nessun ricongiungimento, tranne che per Anacona che, staccatosi dai fuggitivi circa a metà, li andrà a riprendere da solo poco prima dello scollinamento. Lo sprint finale è stato difficile. "Terzo, a 12", Nairo Quintana. "Uno stoico Dumoulin è arrivato a 2'17" dal vincitore, conservando la maglia rosa.

Classifica Generale dopo la 15a tappa: 1. "Quintana (Col) 31"; 3. "Pinot a 2'38". 5. "Zakarin a 4'24", 6. A seguire Yates, Pozzovivo, Konrad, Nibali settimo e Dumoulin. "Jungels (Lus) a 5'18"; 9. "Kruijswijk (Ola) a 6'20"; 10. Devo ancora vincere una tappa al Giro nella mia carriera e mi piacerebbe molto farlo. Nella fase finale ho spinto tanto in discesa, come se facessi una volata in ogni curva.

Raccomandato: