Casa » Sport

Italia-Liechtenstein, Immobile: "Dobbiamo fare tanti gol"

10 Giugno, 2017, 13:09 | Autore: Eufebio Giannola

"Non ho rimpianti pensando all'esperienza con il Napoli - ha continuato l'attaccante del Southampton - Sono stati due anni bellissimi, sono soddisfatto di quello che ha fatto lì". L'allungo degli iberici in chiave gol pare proibitivo ma i tanti giovani di Ventura sanno fare il loro dovere lì davanti: "Nella prima gara avremmo potuto fare quattro gol in mezz'ora ma poi è mancata concretezza". Ora quelli del Liechtenstein hanno pareggiato in Finlandia. Siamo in camera insieme e so che è un grande professionista, è molto concentrato. Belotti? Sta vivendo in maniera serena, anche aiutato dal fatto che si deve sposare. Ora ci siamo noi e quando sei in Nazionale devi fare di tutto per rimanere, lavorando col club per raggiungere gli obiettivi. Il Mondiale importantissimo, lavoriamo per quello. Questa è una lezione importante, specie per i più giovani. La differenza reti è una strada percorribile, è difficile ma ci dobbiamo credere. L'attacco del prossimo Mondiale 2018? Il mister ha lavorato anzitutto sulla consapevolezza di poter vincere contro ogni squadra. L'obiettivo è, naturalmente, la vittoria, che sarebbe un passo importante per gli azzurri in vista del Mondiale del 2018. Il Real non ci ha intimorito. Sulla mediana possibile il duo Montolivo-De Rossi, anche se non è da escludere un inserimento di Pellegrini dall'inizio, invece in avanti dovrebbe essere confermato il quartetto schierato contro la nazionale di Tabarez, ossia Insigne e Candreva ai lati del tandem Immobile-Belotti, anche se salgono le quotazioni di Eder, il quale ha ben impressionato nel match contro l'Uruguay, realizzando tra l'altro la rete del provvisorio 2-0, pronto a prendere il posto di un Immobile non apparso particolarmente in palla.

"Donnarumma mi ha chiesto un po' e gli ho detto che la scelta di andare a giocare con l'Under sia ottima". Io ho un grande ricordo, peccato che perdemmo solo in finale. Ci potrebbe stare un po' d'ansia se non riuscissimo a segnare subito domenica, così come un attaccante che non segna da tanto tempo ed ha pressione nel voler tornare a fare gol. "Non sono preoccupato. In questi anni il presidente Lotito e il direttore Tare hanno sempre fatto un ottimo lavoro".

Raccomandato: