Casa » Sport

Donnarumma, il Real è pronto ad approfittarne

16 Giugno, 2017, 17:10 | Autore: Eufebio Giannola

Il giocatore in concerto con il suo agente Mino Raiola ha infatti comunicato alla dirigenza del Milan la decisione di non rinnovare il contratto in scadenza a giugno 2018.

Il Milan aveva offerto secondo le notizie pubblicate nei giorni scorsi 4 milioni + bonus: nelle brevi dichiarazioni di ieri Fassone ha sottolineato che l'offerta in realtà era anche superiore.

A me piace ancora emozionarmi ricordando 5 Samurai (Buffon, Camoranesi, Nedved, Del Piero e Trezeguet) che pur di non tradire la Vecchia Signora l'hanno seguita in B nel peggior momento della sua storia! Ma esiste il senso delle proporzioni. Noi cosa avremmo fatto al posto di Donnarumma in una situazione del genere? Si tratta di una scelta definitiva. "A questi si aggiunge il compenso dello stesso Pogba per il suo procuratore, cioè altri 2,6 milioni di euro, arrivati dal Manchester e versati all'agenzia di Raiola Uuniqq, con sede nel Principato di Monaco". C'è chi parla di calcio malato ma mai ha speso una parola per dimostrare che, forse, lo è di più nelle serie minori dove per allenare devi portarti lo sponsor da casa, per esempio. Io e Mirabelli speravamo di poter costruire su Donnarumma il nuovo Milan, ora siamo comunque confidenti di fare il meglio.

Il Milan, a onor del vero, ha ribadito l'incedibilità di Donnarumma, ma per non perderlo a zero probabilmente ci si muoverà subito. Quindi è molto realistico che la società propenda per una cessione con indennizzo, già in questo mercato estivo, allo scopo di monetizzare. Il favorito è Neto, ma attenzione a Leno e Meret.

Concludiamo la nostra analisi con il gesto del "bacio alla maglia". "Credo che un minimo di gratitudine e riconoscenza alla società che ti ha lanciato sia dovuta". Così com'è altrettanto corretto dire che il Milan le ha provate tutte. "Lui che aveva baciato la maglia sotto il nostro settore dopo la partita con la Juventus". "I soldi non sono tutto, io amo chi non tradisce". Un tifoso dovrebbe ragionare con la testa propria e non con quella dei giornali.

Donnarumma si è fatto tentare da Raiola, uomo poco simpatico ma indubbiamente capace di svolgere il proprio lavoro, che avendo capito di avere tra le mani quello che ha potenzialmente è il miglior portiere al mondo ha cominciato a muoverlo come una pedina da gioco da tavolo, con l'intento di guadagnare, insieme all'assistito, il massimo profitto.

Raccomandato: