Come sconfiggere l'ansia all'esame di maturità

18 Giugno, 2017, 17:40 | Autore: Benvenuta Pasqualone

L'ansia è un disturbo che non risparmia nessuno e non è raro che più si è preparati, più si ha una sorta di ansia da prestazione. Quest'anno saranno circa 500mila gli studenti impegnati nelle prove di Maturità 2017. Serve soprattutto organizzazione ed e' per questo che e' necessario scegliere le ore piu' adatte della giornata per studiare, proprio adesso che la scuola e' finita e non manca molto all'ora x. Non è raro assistere a dei casi in cui l'ansia da esame ha praticamente rovinato mesi di preparazione, se non addirittura una carriera scolastica di un ragazzo brillante e dotato dal punto di vista intellettuale, ma che invece si dimostra fragile e sensibile dal punto di vista emotivo. Magari evitando "di pensare continuamente a scenari catastrofici".

Mens sana in corpore sano, insegnano gli avi, perciò oltre alla testa, bisogna concentrarsi anche sul corpo: "Dedicare almeno mezz'ora al giorno a un'attività possibilmente all'aperto non studiare di sera o di notte, concedersi qualche ora di svago con gli amici, ma senza fare troppo tardi".

Sarebbe utile "scrivere un programma realisticamente sostenibile e non affrontare lo studio in maniera disordinata", organizzando lo studio "tenendo presenti le proprie caratteristiche (per esempio fare materie più difficili al mattino perché si è più attivi o viceversa)".

Per non sentirsi inadeguati e non avere una pericolosa caduta di autostima, continua la dottoressa, è importante: "rendersi consapevoli delle proprie capacità ricordando i successi già raggiunti". Infine, per superare l'ansia da prestazione per il diploma, è il caso di studiare in un ambiente diverso da dove si dorme, per prendere sonno più facilmente e riposare bene, e spegnare il cellulare durante la sessione di studio, se non addirittura lasciarlo in un'altra stanza: può far perdere la concentrazione e interferire negativamente. E se il sonno non arriva perché disturbato dai "cattivi pensieri", ecco il consiglio dell'esperta: "Se quando andate a letto vi sentite tesi o agitati, mettetevi supini con gli arti lontani dal corpo e respirate profondamente e lentamente; quando sentite la tensione allentarsi pensate ad un evento positivo della vostra vita e sicuramente riuscirete ad addormentarvi". Considerevoli anche i numeri relativi all'indirizzo Informatico, in cui si registrano 475 ragazzi.

Raccomandato: