Ius Soli, italiani o no? Il punto di vista dei bambini "stranieri"

18 Giugno, 2017, 02:15 | Autore: Fausta Monteleone
  • Ius soli, tensione sotto al Senato per un sit-in Casapound: la polizia carica

"Sullo ius soli - ribadisce - il Movimento 5 Stelle si è astenuto alla Camera e come annunciato altrettanto farà, con coerenza, al Senato". "Non è una legge ma un pastrocchio che non si può votare". "E' vergognoso - rileva - tenere il Parlamento in stallo per discutere di provvedimenti senza capo né coda, mentre non si fa nulla per dare una mano alle famiglie italiane che si trovano in grande difficoltà economica".

Il premier Paolo Gentiloni invece ha commentato che "è arrivato il tempo di poter considerare a tutti gli effetti questi bambini come cittadini italiani. Glielo dobbiamo, è un atto di civiltà e mi auguro che il Parlamento lo faccia molto presto nelle prossime settimane". La seconda a "chi agita in modo ingiustificato minacce alla sicurezza che non hanno che fare con questi bambini, ricordo che chi si occupa di terrorismo ci dice che la sola chiave per contenere questa minaccia è quella del dialogo e dell'inclusione". Il MoVimento 5 Stelle è nato da un'esigenza che viene dal basso, dalle liste civiche, dai cittadini che sono stati abbandonati dallo Stato, presi in giro e vessati per anni dai partiti. "Questo sul fronte interno, per tamponare gli arrivi", che quest'anno, ha aggiunto, "potrebbero essere 250mila". "Immediata la reazione del Pd, affidata a Matteo Orfini: "[I Cinquestelle] pensano che a scimmiottare i leghisti si prendano voti e che se fai un'intervista a un giornale di destra contro lo ius soli guadagni lo zero virgola nei sondaggi. "La parte più illuminata del centrodestra non segua i boati". Hanno l'accento casteddaio, anche se i genitori sono di Senegal e Bangladesh. "Per questo ho sempre proposto e continuo a proporre, con emendamenti già depositati in Aula, che la cittadinanza possa essere concessa al momento dell'iscrizione al primo anno della scuola dell'obbligo, naturalmente dopo una verifica della sua capacità di esprimersi nella nostra lingua".

Sono Nicolae Galea, ho 20 anni e da circa 10 vivo nello stivale, qui ho fatto le scuole e lavoro.

"Il tema - gli fa eco Luigi Di Maio - riguarda tutta l'Europa perché chi diventa cittadino italiano ha lo status di cittadino Ue". Io non lo permetterò, siamo ragazzi nati/cresciuti qui, amiamo questo paese e ne rispettiamo le regole, vogliamo vivere qui, il nostrano futuro lo vediamo in questo Paese. "Categorie antistoriche, che oggi non hanno alcun significato".

Raccomandato: