Londra, presidente moschea: i musulmani si sentono in pericolo

20 Giugno, 2017, 09:43 | Autore: Benvenuta Pasqualone

Sono state formalizzate le accuse nei confronti di Darren Osborne che ha investito nella notte diversi fedeli musulmani di fronte alla moschea di Finsbury Park, a Londra. Accoglienza calorosa invece per per il leader laburista Jeremy Corbin, che è deputato nella circoscrizione di Islington-nord dove si è prodotto l'attacco.

Al tempo stesso, tutto ciò ha posto le basi per il consenso e l'adesione da parte dei più disperati a ideologie come il salafismo, la corrente più estremista dell'Islam sunnita, che pretende d'imporsi attraverso la violenza (di cui la serie di attacchi terroristici di basso e medio livello occorsi nel 2017 è lo specchio). L'uomo non era noto ai servizi di sicurezza britannici.

Imam della moschea tornata alle cronache di Finsbury Park era, in quegli anni, l'egiziano di buona famiglia andato a studiare ingegneria a Londra, poi convertitosi all'Islam radicale, Abu Hamza (infine estradato negli Usa).

Un altro deprecabile attacco terroristico contro innocenti, ha detto la premier britannica Theresa May.

La prima ministra Theresa May ha espresso vicinanza per le persone ferite e ha ringraziato i responsabili dei soccorsi, che sono arrivati sul posto pochi minuti dopo l'incidente.

I media britannici in queste ultime ore stanno pubblicando anche in rete numerosi video che ritraggono l'arresto dell'attentatore di Londra, dai quali si intravede il volto dell'uomo, confermando la vaga descrizione finora emersa. "Un appello alla calma" è stato rivolto dal Muslim Welfare House, il centro islamico situato proprio a Seven Sisters Road. Intanto i siti web jihadisti, dando notizia dell'accaduto, stanno spronando alla reazione: "Musulmani, dovete svegliare la guerra nelle strade"; e si interrogano sul perché la polizia sarebbe intervenuta in ritardo. Amber Rudd, segretario per gli Affari interni del Regno Unito, ha confermato che "la polizia lo sta trattando come un incidente terroristico", scrive il the Sun. E poi ha affermato che la lotta la terrorismo andrà avanti: "Non ci fermeremo davanti a nulla". Coloro che non hanno abbracciato l'Islam come propria religione, secondo i dettami della guerra santa, meritano la morte, si, ma in modo rapido e veloce, diverso è il destino per i musulmani considerati traditori della vera Fede, oppure seguaci di politiche occidentali.

La moschea di Finsbury Park, non è un obiettivo casuale. Nelle foto scattate quando l'ha polizia l'ha portato via, si vede un grosso livido attorno a un occhio e segni di percosse su altre parti del viso. "Il mio messaggio al governo è: i vostri piani per ulteriori tagli da 400 milioni di sterline non sono sostenibili", ha concluso il sindaco.

Raccomandato: