Casa » Sport

Wimbledon, Roger Federer in finale per l'11° volta: "Mi sento privilegiato"

14 Luglio, 2017, 21:50 | Autore: Eufebio Giannola
  • Federer

Roger Federer (ATP 5) si sbarazza anche di Tomas Berdych (15) e agguanta la sua 11a finale sull'erba di Wimbledon: mai riuscito a nessuno nei tornei dello Slam. Lo scozzese ci ha messo a tratti l'anima, ma le gambe parevano non sorreggerlo molto. I primi a scendere in campo sul Centre Court alle 14:00 ora italiana saranno Sam Querrey e Marin Cilic.

Il croato non si è fatto sfuggire la nuova grande occasione e a distanza di 3 anni dalla prima - ed unica - affermazione a livello slam in quell'incredibile US Open 2014, torna in finale di un major. Occorre ricordare però che il lussemburghese veniva da una vera e propria maratona contro Rafa Nadal e un'interminabile quinto set. Vuoi perché Querrey aveva già sorpreso tutti con un cammino straordinario, vuoi perché il massimo picco del tennis di Cilic - e i precedenti, 4-0 a favore del croato - dicevano che era Marin il grande favorito di questa partita. Djokovic ha detto di avere problemi al gomito da un anno e mezzo, e di aver meditato più volte di provare a fermarsi, ma delle diagnosi mediche contrastanti non gli sono state d'aiuto.

Roger Federer vola per l'undicesima volta in carriera in finale a Wimbledon. Anche nel caso del giocatore ceko è giusto ricordare che per quanto il suo sia stato un ottimo torneo, ha beneficiato del ritiro di Nole Djokovic dopo solo un set, ottenendo perciò una semifinale di grande prestigio e arrivando anche particolarmente fresco. I problemi, in effetti, si erano già visti nell'incontro contro Mannarino: il serbo aveva infatti chiesto per ben due volte l'intervento del fisioterapista che ha poi richiamato nel match contro Berdych in cui il male era troppo per poter continuare. Entrambe vittorie per Federer ma in partite molto diverse: severa lezione di Roger al secondo turno di Melbourne; successo al tie-break del terzo set a Miami dopo aver annullato match-point.

Raccomandato: