Bonus nido: da lunedì via alle domande per i 1000 euro

15 Luglio, 2017, 09:15 | Autore: Doriano Lui
  • Bonus asilo nido 2017, Travicelli: “Dal 17 luglio via alle domande ad Assisi”

Le richieste potranno essere presentate già a partire dalle ore 10 di lunedì 17.

Con riferimento alla valutazione dello stato di disoccupazione, a seguito della "cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa, risoluzione consensuale nell'ambito della procedura di cui all'articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604 ed aver concluso, da almeno tre mesi, di godere della prestazione per la disoccupazione spettante", INPS ha chiarito che non preclude l'accesso ai benefici in parola l'eventuale sospensione della prestazione per la disoccupazione fermo restando, in ogni caso, che al momento della domanda di riconoscimento delle condizioni per l'accesso, il richiedente abbia concluso di fruire integralmente della prestazione per la disoccupazione spettante. Questi gli obiettivi dello stato che, con il bonus asilo, viene in soccorso delle famiglie che non possono contare sui nonni, spesso ancora occupati visto lo spostamento in avanti dell'età pensionabile, o dove entrambi i genitori lavorano tutto il giorno.

Il contributo può essere richiesto per due motivi: per far fronte al pagamento di rette relative alla frequenza in asili nido pubblici e privati per bambini nati o adottati/affidati dal 1° gennaio 2016 (il bonus asilo nido) oppure per assolvere al pagamento dell'assistenza domiciliare per bambini al di sotto dei tre anni di età, impossibilitati a frequentare gli asili nido in quanto affetti da gravi patologie croniche (contributo per introduzione di forme di supporto presso la propria abitazione). L'unico vincolo è che il bonus asilo nido 2017 sarà riconosciuto entro un limite massimo di 144 milioni di euro l'anno per il 2017, 250 milioni di euro per il 2018, 300 milioni per il 2019 e 330 milioni di euro annui a decorrere dal 2020. In caso di stati extracomunitari, i richiedenti dovranno esibire in sede di domanda un permesso di soggiorno di lungo periodo o una carta di permesso per familiari di cittadini della UE. Tale beneficio spetta anche ai cittadini stranieri aventi lo status di rifugiato politico o lo status di protezione sussidiaria.

L'istanza può essere presentata a partire dal prossimo 17 luglio, fino al 31 dicembre 2017 con le seguenti modalità: on line tramite i servizi telematici dell'Inps; via telefono chiamando il Contact Center dell'istituto al numero verde 803.164 gratuito da rete fissa o il numero 06164.164 da rete mobile (con tariffazione a carico); di persona rivolgendosi a un patronato. Sarà erogato con cadenza mensile, suddiviso in undici mensilità. Il bonus potrà essere corrisposto con bonifico domiciliato, con accredito su conto corrente bancario o postale, su libretto postale o su carta prepagata con IBAN.

Raccomandato: