Maltempo, alluvione-lampo a Reggio Calabria: devastata Scilla

17 Luglio, 2017, 16:29 | Autore: Santina Resta
  • Maltempo tromba d'aria a Ostia 10 feriti

"Allo stato attuale non si registrano danni a persone". Nel cosentino, dopo la pioggia, gli incendi attivi sono 3, a Trebisacce, Papasidero e Grisolia, e sembrano non destare preoccupazioni.

Una grossa frana sulla Strada Statale 18 "Tirrena Inferiore" ha determinato la chiusura della statale proprio tra Scilla e Bagnara, per un tratto di ben 10 km. Le deviazioni alla viabilità sono segnalate in loco ed il personale sta gestendo la viabilità cercando, contemporaneamente, di liberare la carreggiata e ripristinare la viabilità regolare nel minor tempo possibile. La strada è stata riaperta dopo alcune ore, mentre altri disagi sono stati registrati nella zona di Villa San Giovanni.

Sempre nel Reggino, un fulmine ha colpito stamani il lucernario della chiesa madre della frazione superiore di Caulonia lesionando la sezione verticale.

I forti temporali hanno interessato anche il lametino e il vibonese. Numerosi sono stati gli interventi che li hanno visti subito impegnati per frane, smottamenti, allagamenti, recupero autovetture, sgombro sede stradale da detriti, autovetture, alberi pericolanti, verifiche e altro. È stato davvero un weekend impegnativo per i vigili del fuoco del comando provinciale.

Ad esser colpita pesantemente dal maltempo è stata l'intera provincia Reggina, in particolare la situazione più critica si è verificata a Scilla.

A Scilla, inoltre, sono stati impiegati i militari degli "Assetti di pubblica calamità" del 5/o Reggimento fanteria "Aosta" dell'omonima Brigata meccanizzata di stanza a Messina il cui intervento era stato chiesto dal Prefetto nei giorni scorsi per attività di prevenzione antincendio boschivo e salvaguardia dell'incolumità pubblica.

La forza dell'acqua che scendeva dai rilievi ha generato fiumi impazziti che hanno travolto ogni cosa, e trascinato via sopratutto automobili. Da metà settimana poi tornerà a rafforzarsi l'Anticiclone africano e dovremo nuovamente fare i conti con un'intensificazione del caldo e dell'afa.

Raccomandato: