A Savona rifiuta l'intervento perché l'anestesista è donna, Viale: "Gesto grave"

20 Luglio, 2017, 03:14 | Autore: Fausta Monteleone
  • Dicono che non sono brave al San Paolo 70enne rifiuta l’anestesista donna

Nulla da fare. Malgrado la sala operatoria già pronta per l'intervento (ovviamente annullato, tanto più che non erano disponibili anestesisti di sesso maschile) il paziente ha cambiato idea, ha firmato per uscire ed è tornato a casa insieme alla moglie. Li ha un paziente settantenne che all'ospedale di Savona ha rifiutato un intervento chirurgico perché l'anestesista era donna, ed è convinto che quelle del San Paolo siano meno brave dei maschi, ha rifiutato l'intervento.

Il caso - riportato dall'Ansa - ha fatto infuriare Brunello Brunetto il primario di Anestesia e rianimazione. L'anziano e la moglie, allora, hanno esclamato: 'Nulla di personale, ci mancherebbe, ma in giro dicono che le anestesiste del San Paolo non sono brave'. "Tutti sono adeguati al ruolo".

Al chirurgo che era andato a salutarlo e a incoraggiarlo, il paziente ha detto: "Scusi chi è l'anestesista?".

"Ma in base a quale criterio lei dice ciò? Sono voci senza fondamento!" "Da primo sindaco donna della città sono particolarmente colpita: a nome mio e dell'amministrazione comunale esprimo solidarietà all'anestesista e stima alle professionalità dell'ospedale".

Sul caso è intervenuta anche afferma la vicepresidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità, Sonia Viale che ha così dichiarato: "Voglio esprimere la mia piena solidarietà all'anestesista le cui prestazioni sono state rifiutate da un paziente in quanto la dottoressa è una donna". Si tratta di un gesto che non può essere accettato, da qualsiasi parte provenga. Stavolta, secondo l'assessore, il fatto è molto grave perché il paziente ha detto 'no' alle cure per via della presenza dell'anestesista donna nel gruppo di medici che avrebbe dovuto operarlo.

Raccomandato: