Casa » Sport

Vecino: "Inter? Spalletti decisivo, darò il massimo. Borja importante, su Montella…"

11 Agosto, 2017, 08:35 | Autore: Eufebio Giannola
  • Vecino: “Non vedevo l'ora di venire all'Inter. Borja mi ha insegnato tanto, Firenze importante per me”

Mi sto piano piano adattando al nuovo modo di lavorare.Responsabilità o orgoglio per la richiesta di Luciano Spalletti?

Prime sensazioni con Spalletti? Sa leggere le giocate in ogi momento. Ho giocato come mediano, da mezzala, ma anche dietro alla punta però non qui in Italia.

24 milioni di clausola, senti la fiducia della società? "Vuol dire tanto, è una grande responsabilità. Spero di essere all'altezza per rendere orgogliosi tutti i tifosi".

Ci sono stati altri club? Champions? Non mi piace fare molti proclami, la cosa migliore è far parlare il campo.

SPALLETTI - "Mi ha colpito come insegna il calcio, poi la sua tranquillità, ti fa capire subito cosa fare in campo, se saremo bravi a seguirlo potremo fare grandi cose perché siamo una buona squadra". Mi ha chiamato subito quando ha saputo del mio arrivo qui, è stato un grande giocatore ed è una bravissima persona.

Prima di Campionato contro la Fiorentina? Mi ha potato in Italia e mi ha fatto crescere.

Quanto è stato importante a Firenze avere come compagno Borja? "Zanetti, per quello che rappresenta dentro e fuori dal campo". "È intelligente e mi ha aiutato molto".

LA SVOLTA TATTICA - "Ad Empoli ho trovato Sarri che mi ha messo nella posizione giusta, lì la svolta nella mia carriera". "Siamo sulla strada giusta, ci stiamo allenando bene e concentrati". Voglio dare il massimo, migliorare sempre e fare bene.

L'Inter ha vinto partite importanti in Asia, hai visto entusiasmo nei compagni?

Cosa ti ha spinto a venire all'Inter? "Mi ha fatto i complimenti, ci conosciamo dall'Uruguay perché abbiamo giocato insieme".

Prima giornata Inter-Fiorentina, che effetto ti farà? Recoba? Il Chino è stato uno dei più grandi calciatori uruguaiani, da bambino seguivo l'Inter anche grazie a lui. "Non lo so, questo lo sa il mister". Lui era più offensivo di me, mi piace segnare ma non è il mio compito.

Montella da avversario ad ottobre.

Raccomandato: