Sale l'acqua a Miami, e anche la paura - Corriere del Ticino

13 Settembre, 2017, 06:39 | Autore: Santina Resta

Intanto la decima tempesta dell'anno, nominata José e di livello 4 su 5, per ora non sembra che si avvicinerà alle coste statunitensi: a est delle Bahamas infatti, l'uragano ha virato su sé stesso, puntando i suoi venti fino a 225 km/h verso sud, in direzione Porto Rico.

Insieme agli Stati Uniti, di cui si è maggiormente parlato, il lavoro di preparazione per l'arrivo dell'uragano l'hanno fatto anche piccole isole caraibiche (isole Virgin, Barbuda, Anguilla.) ma anche paesi con debolezze strutturali molto più forti, come Haiti, la Repubblica Dominicana e Cuba. Lo ha detto il consigliere della casa Bianca per la Sicurezza Interna, Tom Bossert, rispondendo a domande sulle conseguenze del passaggio dell'uragano Irma.

Lo scorso 7 settembre l'uragano Irma si è abbattuto sulle Piccole Antille prima e sulle Isole Vergini subito dopo, provocando almeno 27 vittime e un numero imprecisato di feriti. La maggior parte delle vittime sono state causate dai crolli di edifici.

Oltre 3,3 milioni di persone sono rimaste senza elettricità in Florida, dopo il passaggio dell'uragano Irma.

Maxi-blackout a Cuba. Nella Isla Grande, a causa di Irma, si è verificato uno spaventoso maxi-blackout che ha coinvolto anche la capitale L'Avana. Sarebbero discendenti dal gatto di Hemingway, "Snow White".

"Sono riuscito a fare il pieno - prosegue Celli -, Miami è una città fantasma, verso nord vi sono arterie intasate dalle auto di famiglie in fuga, ressa ai pochi supermercati aperti per fare provviste di viveri per chi ha deciso di rimanere". "Andatevene ora" ha detto il governatore della Florida, Rick Scott. Inoltre il vice presidente Usa, Mike Pence, insieme a diversi membri del governo si recherà in visita al quartier generale della Fema, l'agenzia federale Usa per la gestione delle emergenze.

Il servizio meteo nazionale negli Usa ha diramato una allerta per Atlanta, in Georgia, per un allarme tempesta tropicale. Ed e' la prima volta che una emergenza di questo tipo viene segnalata per la città nello stato meridionale.

In vista di possibili inondazioni nelle prossime ore, la protezione civile dell'isola ha chiuso il traffico non solo lungo la 'Avenida del Malecon ma anche sulla 'Linea', un'altra importante arteria della zona, dove si attende l'impatto di onde fino a 3-4 metri d'altezza.

Raccomandato: