Espugnato fortino della droga a Torino, arrestate 17 persone

16 Settembre, 2017, 00:03 | Autore: Santina Resta
  • 20170914_072917_9864EF47

"Un luogo da cui stare lontani", perché pericoloso, per gli abitanti del quartiere Borgo Dora. Le indagini, avviate due anni fa, hanno portato a 17 ordini di custodia.

Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, aggravato dall'aver venduto decine di dosi anche a minorenni. Uno stabile di Torino, Via Lanino (Porta Palazzo), occupato abusivamente da famiglie di extracomunitari, era diventato il quartier generale di una banda di spacciatori maghrebini.

La droga arrivava dal Marocco attraversando la Spagna, la Francia e la frontiera a Ventimiglia. Cinque euro al grammo: cifre che attiravano non solo operai e liberi professionisti, ma anche giovani studenti all'uscita da scuola. Provvedimenti che si aggiungono ai 16 arresti effettuati dal maggio 2015, quando sono iniziate le indagini, e ai 24 chili di droga tra hashish, marijuana, eroina e cocaina sequestrati insieme a 11 mila euro in contanti. Il motivo? La donna, arrestata, è stata sorpresa dai militari ad acquistare un quantitativo davvero rilevante di hashish, ben 4 chili.

La vecchietta si recava nel capoluogo piemontese per rifornirsi di stupefacenti da rivendere poi nella sua città. "Quello della droga è un mercato che non sembra andare in crisi - ha commentato il comandante provinciale Emanuele De Santis - Il nostro obiettivo è colpire le centrali di spaccio".

Raccomandato: