Fiuggi, Berlusconi: "Ho passato estate monacale, ma sono ancora un birichino"

17 Settembre, 2017, 16:52 | Autore: Santina Resta
  • Berlusconi: «Programma è sempre meno tasse e più lavoro»

Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo alla kermesse del Ppe a Fiuggi organizzata da Antonio Tajani "L'Italia e l'Europa che vogliamo".

Rispetto per la Lega, ma il centrodestra lo abbiamo fatto noi "Alla Lega dico che avremo sempre rispetto per le loro idee, ma sappia che il centrodestra l'abbiamo fatto noi e abbiamo sempre avuto il leader per realizzare il programma", ha detto il leader di Forza Italia. Berlusconi ha sottolineato che servirebbe una "politica fiscale unica in Europa".

Berlusconi, in riferimento alla Corte di Giustizia Europea, ha detto di attendersi una piena riabilitazione politica che ripari un torto subito e pianificato a tavolino.

"Noi non abbiamo bisogno di fare primarie: il leader, visto che si nasce leader, ce l'abbiamo".

Un attento intervento sulla politica estera, dove da sempre Berlusconi ha brillato con i suoi rapporti e la sua capacità di mediare: "Non lasciamo che la Russia guardi solo a Oriente, ricordiamoci che e' parte dell'Occidente, io stesso mi sono formato sui classici russi".

"Sono stato condannato per un'accusa assurda, una sentenza che tutti ritenevano impossibile, arrivata con la complicità delle forze della sinistra e dei magistrati. Per fare il presidente del Consiglio bisogna avere potere decisionale, grande esperienza".

"Su un governo di 20 ministri la maggioranza, almeno 12 su 20, non deve essere composta da professionisti della politica ma da protagonisti del mondo del fare, dell'impresa, della società e del volontariato di alto livello".

"Grazie al presidente Tajani - spiega il segretario provinciale Dario Bacocco - si discuterà, oltre che del futuro del partito, anche di problematiche nazionali legate all'immigrazione, all'economia, alle riforme, ai giovani, all'ambiente e di grandi temi europei quali la lotta al terrorismo e di molto altro. Questi colpi di Stato li abbiamo subiti, con l'assurdo allontanamento del suo leader dal Parlamento" ha ricordato infatti ancora un volta Berlusconi, annunciando: "Ora mi aspetto che l'Europa mi restituisca l'onore in modo da potermi ripresentare davanti ai cittadini da uomo onesto, integro, un contribuente leale". "Speriamo - dice - non ci sia un salto nella follia e che non ci possa essere ancora una volta l'uso di uno strumento atomico. Dobbiamo far marciare l'Europa, per sedersi al tavolo delle altre potenze mondiali, a partità di capacità".

Il discorso si è concluso con l'enunciazione di un motto quanto mai esplicito: "Solo chi ci crede combatte, solo chi ci crede può vincere".

Migranti sei fermano solo con un piano Marshall "Oggi abbiamo un assaggio dell'immigrazione di massa, poca cosa di quello che potrebbe accadere".

Raccomandato: