Vende droga agli arresti domiciliari: in carcere 48enne triestino

30 Settembre, 2017, 21:28 | Autore: Fausta Monteleone
  • Evade dai domiciliari e malmena un passante arrestato dalla polizia di Asti

I destinatari delle misure cautelari (21 in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 3 misure interdittive della sospensione dall'esercizio di un pubblico ufficio o servizio), spiegano i carabinieri, sono ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, lesioni, danneggiamento (tutti aggravati dal metodo mafioso), associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, corruzione per atti contrari ai doveri d'ufficio, corruzione per un atto d'ufficio, abuso d'ufficio, rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio e favoreggiamento personale. A questo punto è scattato il "blitz" all'interno dell'abitazione e sono stati rintracciati l'indagato unitamente a due soggetti; risultando evidente che, poco prima, vi fosse stata l'assunzione di sostanze stupefacenti, è stata effettuata una perquisizione approfondita, all'esito della quale sono stati trovati in possesso dell'indagato circa 13 grammi di cocaina, oltre 900 euro in contante, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento della droga. Ma non basta. Durante i controlli spuntava anche una pistola semiautomatica beretta, calibro 9 corto, con i numeri di matricola abrasi, carica e pronta all'uso. Perché si sentirebbe in pericolo, dice. Proseguono intanto le indagini: gli inquirenti dovranno cercare di capire chi e come quella pistola sia finita a casa dell'arrestato e, soprattutto, quale uso avrebbe voluto e potuto farne.

L'uomo, che abita in corso Casale, stava scontando una pena ai domiciliari per un reato analogo a quello per cui è stato arrestato. Difensore sempre l'avvocato Remigio Sicilia.

Raccomandato: