Quattro casi di malaria in Puglia. "Malattia contratta in Italia"

04 Ottobre, 2017, 17:14 | Autore: Fausta Monteleone
  • Quattro braccianti stranieri ricoverati a Taranto per malaria

Puglia/ Quattro braccianti marocchini sono stati ricoverati in isolamento nel reparto infettivi dell'ospedale San Giuseppe Moscati di Taranto dopo la sospetta manifestazione dei sintomi della malaria. Tutti sintomi riconducibili a un'infezione da plasmodio. I braccianti sono di età compresa tra 21 e 37 anni. "Il sospetto è che la malaria sia stata contratta in Italia - spiega all'Adnkronos Salute Gianni Rezza, direttore del Dipartimento Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità - Stiamo attendendo il materiale per la conferma diagnostica, mentre a Taranto è in corso l'indagine entomologica, ma il sospetto è che la malattia sia stata contratta in Italia". La sua frequenza è dovuta a una serie di fattori fra le quali le condizioni climatiche favorevoli alla malattia e il numero di soggetti portatori di gametociti nel sangue periferico umano che si trovano nell'area di contagio, anche se uno studio esatto è molto complesso vista l'estensione delle zone coinvolte. Una bruttissima notizia stavolta arriva dalla Puglia, dove si sono verificati quattro nuovi casi di malaria. "Il sospetto è che in qualche circostanza particolare possa avvenire comunque una trasmissione", conclude Rezza. Inoltre siamo vicini alla stagione fredda. Il tempo di incubazione della malaria va da 15 giorni a un mese.

"Le persone in questione - dice Rossi - lavoravano nelle campagne di Ginosa, in località Pantano, e siccome la malaria si contrae attraverso le zanzare, è evidente che va fatto un accertamento sulle condizioni di lavoro in cui si trovavano questi migranti". È chiaro che la malattia l'hanno contratta qui e non l'hanno portata qui dal luogo da cui provenivano. In quella zona, nelle prossime ore, si potrebbero catturare delle zanzare per poi farle analizzare all'Istituto zooprofilattico per ulteriori verifiche.

Raccomandato: