KATIA GHIRARDI/ Video Banca Intesa, Cruciani: "Sto dalla sua parte"

05 Ottobre, 2017, 19:08 | Autore: Doriano Lui
  • Intesa San paolo Castiglione delle Stiviere: Io ci sto, il nuovo tormentone sul web / Video

Il video virale in cui Katia Ghirardi, direttrice della filiale di Castiglione delle Stiviere, era stato girato e doveva rimanere ad uso e consumo interno alla filiale; una sorta di spot motivazionale che in poche ore si è trasformato in un successo social impressionante. Nelle ultime ore un video ha praticamente catalizzato su di sè l'attenzione dei social.

I sindacati hanno diffuso immediatamente una nota per chiedere a Banca Intesa di evitare questo tipo di contest a base di video, che tenderebbero a mortificare i lavoratori interessati facendone parodie di sè stessi. Una propaganda pubblicitaria promossa da Intesa San Paolo per tutte le filiali d'Italia.

Io ci sto, video Banca Intesa San Paolo di Castiglione delle Stiviere - La filiale è stata letteralmente presa d'assalto in questi giorni, fra telefonate della stampa e clienti che volevano incontrare di persona Katia Ghirardi, la direttrice della filiale, diventata una vera e propria star.

Un video goffo, sopra le righe, volutamente ironico: è stato girato per partecipare ad un contest aziendale.

Intesa San paolo Castiglione delle Stiviere: Io ci sto, il nuovo tormentone sul web. Il destinatario del video, come riportato da Next Quotidiano, era la Direzione Regionale per dimostrare che i colleghi della filiale sapevano lavorare in squadra in allegria.

Intesa San paolo Castiglione delle Stiviere: il video dal titolo Io ci sto, diventato un nuovo tormentone sul web.

Durante i due minuti di questo video virale si vede la direttrice aver preso a cuore la causa della sua filiale e, in maniera molto calorosa e spigliata, mostra i vari servizi della sua banca, facendoli ripetere uno per uno dai suoi dipendenti. Lo slogan "Io ci sto" e la torta a forma di cuore, che la direttrice Katia Ghirardi aveva fatto fare apposta per il video, hanno un potenziale che può essere sfruttato. I social di Intesa San Paolo avrebbero potuto disinnescare la "bimba" prendendo le difese dei dipendenti.

Raccomandato: