Avevano 1.200 uccelli morti nelle valigie: otto cacciatori denunciati

12 Ottobre, 2017, 17:54 | Autore: Santina Resta
  • Aeroporto, scoperti mille uccellini dentro valigie: 8 denunciati

L'intervento è stato effettuato presso l'aereoporto di Orio al Serio; ha permesso di scoprire oltre 1.119 volatili trasportati all'interno dei bagagli di otto passeggeri italiani in arrivo da Bacau. Le forze dell'ordine che li hanno perquisiti nello scalo ne hanno contati quasi 3.000, 1.100 dei quali erano esemplari di specie protette: pispole, voltolini, tottovilli, lucherini, ballerine, fanelli, cardellini e strillozzi. La guardia di Finanza li scopre e li denuncia. I controlli doganali a contrasto dell'illegale detenzione ed introduzione nello Stato di esemplari di specie animale protette vengono intensificati in alcuni periodi dell'anno ritenuti più a rischio, soprattutto durante la stagione della caccia nei Paesi dell'Est Europa. Le indagini erano partite nel bresciano: i carabinieri della Forestale, impegnati nell'"Operazione Pettirosso", a tutela della specie migratoria proveniente dal centro e dal nord europa, di cui è vietata la caccia, hanno avuto informazioni sulla spedizione rumena degli otto amici appassionati di arte venatoria, come riferisce BergamoNews. "Tutti loro malgrado irrimediabilmente impallinati e poi stipati in grandi valigie insieme a borse refrigeranti per meglio conservarne la carne". L'importazione e l'esportazione delle specie in via di estinzione non è una novità, specialmente in italia e, hanno precisato i finanzieri: "Si tratta di un traffico decisamente fiorente dopo quello della droga, delle armi e della tratta degli esseri umani".

In valigia anzichè abiti e souvenir nascondevano oltre mille uccellini morti. "Questa vicenda rappresenta una pessima figura dell'Italia a livello comunitario".

Raccomandato: