Brexit, negoziati al palo. Impasse 'preoccupante' su accordo finanziario

12 Ottobre, 2017, 21:22 | Autore: Santina Resta
  • ANSA  EPA									+CLICCA PER INGRANDIRE

E' in questo contesto che i due negoziatori, per la prima volta in pubblico insieme, hanno evocato la possibilità di un mancato accordo, anche se May ne aveva già parlato negli scorsi giorni a Londra.

Londra, aggiunge, ha detto a Bruxelles che non è pronta a mettere sul tavolo una cifra, una valutazione di quelli che ritiene sarebbe il prezzo giusto da pagare.

Di fronte allo stallo sui negoziati sulla Brexit, l'Unione Europea e il Regno Unito hanno iniziato a evocare apertamente la possibilità di un mancato accordo, che potrebbe avere ripercussioni pericolose su entrambe le sponde della Manica. "Non sono ancora in grado di proporre al Consiglio europeo la prossima settimana di aprire le discussioni sul futuro", ha concluso.

"La ragazza e' stata allontanata dalla sicurezza, sulle prime incerta sul da farsi, dopo essere stata ripresa, fotografata e intervistata; il viceportavoce capo della Commissione Europea, Alexander Winterstein, ha riferito che "ha deciso di allontanarsi" dopo che le e' stato spiegato che il suo pass non consentiva l" accesso alla sala stampa. Sul conto della Brexit "siamo in una impasse estremamente preoccupante", avverte il capo-negoziatore Ue. "Ma Londra sembra proprio fare melina, senza esplicitare quali impegni presi a 28 intende onorare e quali no. Dal canto suo, il capo negoziatore britannico, David Davis, ha reiterato la richiesta che il Consiglio Europeo ampli il mandato conferito a Michel Barnier, consentendogli di negoziare anche sull" accordo sulla futura relazione tra Ue e Regno Unito, cosa che il mandato conferito al politico francese non prevede. "Se non è possibile" arrivare a un accordo sulla Brexit, "un governo deve essere pronto a un'alternativa" e "pianificare tutti gli scenari", ha aggiunto Davis.

Un comportamento incerto che non piacerà molto ai suoi supporter e che getta molti dubbi sulla sua decisione nelle trattative con l'Unione Europea.

Raccomandato: