Denise Pipitone, l'inchiesta riparte dal Ris di Messina

12 Ottobre, 2017, 12:55 | Autore: Santina Resta
  • Denise Pipitone, la procura di Messina cerca tracce di Dna nelle impronte digitali

La madre della bambina non si è mai data per vinta e ha sempre continuato a sperare di poterla ritrovare; ora, dopo la riapertura del caso, il programma della Rai Chi l'ha Visto, ha mostrato delle foto inedite di una ragazza con una forte somiglianza con Denise. Alla redazione di "Chi l'ha visto?", il programma di Federica Sciarelli, che si è occupato della piccola Denise fin dal giorno del suo sequestro, è arrivata una fotografia che potrebbe rappresentare un colpo di scena.

La puntata di oggi, mercoledì 11 ottobre 2017, tornerà ad occuparsi del caso di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo quando aveva quasi quattro anni, che oggi ne compirebbe 17. Denise Pipitone è scomparsa nel 2014 mentre si trovava vicino casa della nonna materna nel piccolo comune in provincia di Trapani.

Laddove gli esperti ci tengono a chiarire che l'invecchiamento sui bambini porta mutazioni molto più difficili da prevedere e mappare rispetto all'invecchiamento sugli adulti.

Questo articolo ha ricevuto commenti! Secondo l'avvocato Frazzitta, l'indizio fornito dalla giornalista potrebbe portare ad una svolta nel caso di Denise Pipitone, ottenuto grazie ad una fonte rimasta anonima. Ovviamente la segnalazione è stata subito posta all'attenzione della Polizia Postale.

La richiesta iniziale era circoscritta ad alcune impronte, ma la procura, evidentemente per non lasciare nulla di intentato, ha esteso l'analisi a tutte le impronte digitali rilevate nel 2004. Ed anche questa è una novità di rilievo.

Negli anni, però, le tecniche di ricerca del DNA si sono affinate e si è reso possibile estrapolarlo anche dalle tracce parziali di impronte: il collegio legale di Piera Maggio ha chiesto e ottenuto che sulle impronte repertate durante le ricerche di Denis si effettui il DNA.

Raccomandato: