Casa » Sport

Inter, orgoglio Candreva: "Fischi? Ho la coscienza a posto. Voglio il derby"

12 Ottobre, 2017, 16:18 | Autore: Eufebio Giannola
  • Candreva Viola Benevento Inter

"Io uomo Derby? Fa piacere, ma spero di portare a casa la vittoria a prescindere dai miei gol", ha proseguito Candreva ricordando che "abbiamo due partite importanti, ora dobbiamo concentrarci però sul Derby. Vogliamo rimanere in alto", ha concluso Candreva. La verità è che l'Inter ha fatto 6 vittorie in 7 partite, la squadra ha fatto un inizio di campionato positivo. Così Antonio Candreva, centrocampista dell'Inter, nel corso di una conferenza stampa ad Appiano Gentile in vista della stracittadina di domenica contro il Milan.

FISCHI E GIOCO - Il classe '87 romano ha poi proseguito considerando le critiche, sia per le prestazioni personali che per quelle di squadra: "I fischi fanno parte del nostro lavoro, ma ho sempre dato il massimo".

Derby. "Segnare due gol nel derby dell'anno scorso, non ci ha fatto vincere".

"Io ho la coscienza a posto, penso di aver fatto bene".

Le prossime sono due partite importanti che diranno molto sulla stagione? "Il derby può darci una spinta", le sue parole.

"Non lo abbiamo visto bene perché siamo partiti con la Nazionale e poi è stato infortunato". Qualcuno dice che siamo fortunati, possiamo migliorare ovviamente, ma non giochiamo male.

GARE DELL'INTER - "Non credo che la squadra abbia giocato male".

In campo c'è poco tempo per pensare, magari sui tanti cross che faccio qualcuno va alto o fuori, capita. Pensiamo quando vinceremo bene cosa potremo fare.

Fischi e sostituzione nelle ultime partite con l'Inter, poi sei stato uno tra i migliori con l'Albania in Nazionale. Siamo migliorati e cambiati molto. In partite del genere, qualunque avversario può rivelarsi ostico da affrontare. "E' giusto fare così, ora c'è il derby ed è importante per il nostro cammino in campionato". "Aspettiamo tra qualche giorno il sorteggio e tra un mese ci andremo a giocare la qualificazione". Magari, sarà l'occasione giusta, per l'esterno, anche per trovare la prima rete in questo campionato: "Segnare non è mai stata, per me, un'ossessione".

Nazionale - "E' arrivato un gol importante per noi e per l'Italia. L'importante è uscire dal campo dopo aver dato tutto", ha aggiunto l'esterno nerazzurro nel live tweet sull'account ufficiale del club. "Viene prima la squadra, quest'anno vogliamo arrivare in alto". Torno qui con entusiasmo, come sempre.

Raccomandato: