Marocco: ripresi per la prima volta i gatti delle sabbie

13 Ottobre, 2017, 21:34 | Autore: Bianca Mancini

Erano le due del mattino e Grégory Breton stava viaggiando insieme al collega Alexander Sliwa lungo il deserto del Sahara, in Marocco, quando i fari della loro jeep hanno illuminato tre paia di occhi. "Erano tre cuccioli di gatto delle sabbie", scrive Breton.

Battezzato dallo studioso Victor Loche Felis Margarita dal nome di Jean-Auguste Margueritte, il soldato francese a capo della spedizione durante la quale venne avvistato per la prima volta, il gatto delle sabbie è difficilissimo da osservare.

Si tratta di esemplari diffusi nei deserti africani e asiatici, hanno coda lunga e orecchie appuntite.

I due ricercatori appartengono all'organizzazione Panthera, impegnata nella conservazione delle 40 specie di gatti selvatici nel mondo, e quello da loro realizzato è il primo video che documenta la presenza di questi gatti.

Raccomandato: