Casa » Sport

Verso Roma-Napoli: Di Francesco sfida Sarri in un match all'insegna dello spettacolo

13 Ottobre, 2017, 16:42 | Autore: Eufebio Giannola
  • Roma, test fondamentale contro il Napoli. Pochi dubbi di formazione

L'allenatore ha presentato la sfida in conferenza stampa dal centro sportivo di Trigoria.

Per molti è una sfida per definire l'anti-Juve. Situazioni diverse, esito comune: nessuno dei due potrà giocare la partita che apre il ciclo di gare decisive per la squadra giallorossa, costretta a fare i conti con i guai fisici anche a centrocampo.

Partita contro Sarri ai vertici: cambia qualcosa rispetto ai dieci precedenti fra voi? Sarri sta facendo un lavoro eccellente, che a me non meraviglia.

Sarà anche un duello Dzeko-Mertens.

CALCIO Roma-Napoli è una partita spartiacque: chi vince si siede al tavolo dello scudetto, chi perde si alza e se ne va. L'infermeria è dalla parte dei napoletani: a parte il lungodegente Milik, tutti gli azzurri sono a disposizione. Dzeko e Mertens soo due profili totalmente differenti, il belga è diventato centravanti per esigenze e per bravura dell'allenatore, lui è un centravanti molto dinamico. E' un centravanti atipico, senza punti di riferimento, mentre Edin ha grande presenza dentro l'area ma ha anche abilità a muoversi tra le linee.

Saranno altri due gli assenti della Roma per il big match di sabato contro il Napoli: una novità, Kevin Strootman, ed il solito Patrick Schick. "E' un giocatore importante ma a volte la pressione fa brutti scherzi, lo metterò in campo solo quando sarà in grado di disputare almeno uno spezzone di gara". Due tecnici tatticamente e caratterialmente simili e che hanno la stessa filosofia di calcio, ovvero quello offensivo, spregiudicato ma allo stesso ordinato e per questo efficace.

Nainggolan ha la capacità di poter giocare in qualsiasi ruolo, ha interpretato la mezzala benissimo, sono valutazioni che farò partita dopo partita. "Chi farà meglio la fase difensiva otterrà il risultato, noi dobbiamo riuscire a fare questo meglio del Napoli".

Il tecnico abruzzese dovrà invece rinunciare a pedine importanti come El Shaarawy (infortunatosi in nazionale), Defrel e quasi sicuramente anche Strootman.

Raccomandato: