Casa » Sport

Adesivi antisemiti in Curva Sud dopo Lazio-Cagliari. Zingaretti: "Gesti che provocano indignazione"

24 Ottobre, 2017, 00:23 | Autore: Eufebio Giannola
  • Anna Frank con la maglia della Roma: adesivi antisemiti dei laziali nella Curva Sud

Già quattro anni fa era avvenuto un episodio simile. L'immagine di Anna Frank con la casacca giallorossa, infatti, è solo un triste e squallido remake di alcuni manifesti apparsi nel 2013 in alcune strade del centro di Roma.

I fatti accaduti ieri sera nella Curva Sud dello stadio Olimpico, dove i tifosi laziali hanno esposto insulti antisemiti, sono all'esame della procura della federcalcio guidata da Giuseppe Pecoraro. Secondo quanto riporta l'Ansa, con ogni probabilità nella giornata di domani il procuratore, aprirà un'indagine sulla vicenda.

Adesivi e scritte antisemite sono state lasciate ieri dai tifosi della Lazio all'Olimpico in occasione della partita tra Lazio e Cagliari.

"Domani alle 12 una delegazione della Lazio, della quale farà parte anche il presidente Claudio Lotito, porterà una corona di fiori alla sinagoga di Roma per ricordare le vittime dell'antisemitismo".

La questura di Roma ha fatto sapere che sono in corso accertamenti della polizia sugli adesivi antisemiti. "Questa non è una curva, questo non è calcio, questo non è sport".

Immediata la reazione di dissenso da parte della Comunità ebraica di Roma. Fuori gli antisemiti dagli stadi.

In uno degli adesivi si vede il ritratto di Anna Frank che indossa la maglia della Roma, in un altro la scritta 'Romanista ebreo' e in un altro ancora la scritta 'Romanista Aronne Piperno' con riferimento al personaggio di religione ebraica del celebre film con Alberto Sordi 'Il Marchese del Grillo'.

Arriva la reazione anche del club biancoceleste, tramite le parole del suo portavoce Arturo Diaconale, che ha espresso sdegno e stupore per l'accaduto: "La Lazio ha sempre condannato ogni forma di razzismo, si resta interdetti di fronte a manifestazioni di evidentemente riguardano un gruppo ristrettissimo di persone, che non coinvolgono i tifosi che si sono sempre comportati bene e in maniera regolare. Ci preoccupa che un numero minutissimo di sconsiderati possa provocare danni d'immagine e materiali clamorosi a una società che sta facendo ogni massimo sforzo per essere al passo coi tempi".

Raccomandato: