Aeffe, ricavi e utile in aumento nei primi nove mesi del 2017

10 Novembre, 2017, 13:08 | Autore: Doriano Lui
  • Aeffe tutti gli indicatori a segno più utile +144

A livello di canale distributivo, la divisione wholesale, che rappresenta il 70% del fatturato, ha registrato una crescita del 7,5%.

A tassi di cambio costanti, l'Europa (che incide per il 20,8% sui ricavi) è progredita del 5,8%. L'utile netto ordinario del gruppo è invece di 2.583 milioni di euro (2.700 milioni di euro nei primi nove mesi del 2016, -4,3 per cento): al netto delle partite non ricorrenti, l'utile netto ordinario del Gruppo aumenta del 3 per cento su base comparabile. Il Capex investito in Italia risulta in crescita di 779 milioni rispetto ai primi nove mesi del 2016 ed è attribuibile - precisa ancora Telecom Italia - "agli investimenti innovativi di sviluppo infrastrutturale (+386 milioni di euro rispetto ai primi nove mesi del 2016) e riflette, in particolare, l'accelerazione negli investimenti dedicati allo sviluppo di reti e servizi di nuova generazione".

Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana, che opera sia nel settore del prêt-à-porter sia nel settore delle calzature e pelletteria con marchi di elevata notorietà, tra cui Alberta Ferretti, Philosophy di Lorenzo Serafini, Moschino, Pollini, Jeremy Scott e Cédric Charlier - ha approvato oggi i risultati consolidati relativi ai primi nove mesi del 2017.

Il patrimonio netto ha sfiorato i 147 milioni, con un indebitamento di oltre 66 milioni (un anno fa erano 77,6 milioni): questo in seguito ai migliori risultati economici e ai più soddisfacenti flussi di cassa.

I nove errori negli investimenti da evitare nel 2018. "È stata premiata la nostra strategia di lungo termine volta al rafforzamento della distintività dei nostri brand", ha commentato Massimo Ferretti, Presidente Esecutivo di Aeffe.

Raccomandato: