Brexit, parla la May: "Usciremo dall'Europa il 29 marzo 2019 alle 23"

10 Novembre, 2017, 16:37 | Autore: Santina Resta
  • Brexit: sesto round di negoziati tra le delegazioni dell'Ue e del Regno Unito

Come se non bastasse, mentre Francia e Germania premono affinché si prenda in fretta una decisione e si chiuda questa prima fase, anche nella considerazione che, non avendo certezze, gli investitori non sono in grado di pianificare i loro investimenti per il prossimo anno, il Primo Ministro inglese, Theresa May, si trova a fronteggiare uno scandalo dopo l'altro che hanno colpito diversi membri del suo governo, nel giro di una settimana (abusi sessuali e paradisi fiscali).

Londra - Il 29 marzo 2019 la Gran Bretagna uscirà dall'Unione Europea. Sul Telegraph la premier ha avvertito i deputati conservatori meno affini alla Brexit di non tentare di usare il passaggio della legge sull'uscita dall'Ue in Parlamento per cercare di "rallentare o fermare" la Brexit.

Buona parte dei sudditi della Regina Elisabetta sono ancora convinti della scelta fatta il 23 giugno 2016 nel referendum sulla Brexit. Alcuni estratti delle parole che pronuncerà lord Kerr, sono stati riportati dal sito Open Britain, favorevole alla permanenza del Regno Unito nell'Unione europea. "Abbiamo ancora tutti i diritti di uno Stato membro - ribadirà lord Kerr - incluso quello di cambiare idea". Secondo quanto riportato ieri dal quotidiano The Times, i leader europei stanno comunque valutando tutte le soluzioni: dall'uscita britannica dall'Ue senza un accordo o in modo disordinato all'ipotesi di una clamorosa retromarcia sulla Brexit con la convocazione di nuove elezioni generali.

Raccomandato: