Casa » Sport

Biasin, brandelli d'Italia: "Basta boiate da bar, Ventura è un disastro"

11 Novembre, 2017, 20:53 | Autore: Eufebio Giannola
  • Antonio Conte Giampiero Ventura

"Spero che a Milano concedano a noi quello che hanno concesso a loro, serviva maggiore attenzione da parte dell'arbitro anche se non è una giustificazione". Giampiero Ventura sfoga la sua rabbia nel post-partita di Svezia-Italia, match d'andata del playoff valido per l'accesso ai Mondiali di Russia 2018 finito per 1-0 in favore dei padroni di casa. Noi abbiamo creato occasioni e colpito un palo. "Dobbiamo solo far risultato, questi novanta è un risultato non corretto e dobbiamo andarlo a ribaltare a Milano". Dovessimo farcela sarà il caso che ci si guardi nelle palle degli occhi per provare a organizzare il primo "Mondiale a chiappe strette", ovvero slegato dalle "non idee" del ct (oppure in panca mettiamoci Zenga, che non sarà un profeta della lavagnetta ma con uno "Sveglia!" urlato in diretta ha dimostrato di essere più lucido del suo sventurato collega).

Purtroppo - o per fortuna, dipende se sul baratro si sia di fronte o di spalle - Ventura si è giocato anche l'ultimo jolly.

Un rapporto che aveva clamorosamente - e sottolineiamo clamorosamente - invertito Antonio Conte due estati fa, portando di fatto questa squadra (anzi, la sua versione ancor più modesta) a un calcio di rigore da far fuori i campioni del mondo della Germania. I gialli sanno che per andare in Russia devono sfruttare il fattore casalingo.

Ventura è tornato sulla direzione di gara di Cakir: "Nel complesso è stata buona, però ha dato la possibilità alla Svezia di portare la partita su un campo che non è quello tecnico". L'altra, appunto, nella totale assenza di lucidità dell'analisi dei 95 minuti della Friends Arena di Solna: dove l'Italia ha sbagliato tutto ciò che poteva sbagliare. E se in Federazione sono preoccupati per l'eventuale mancato introito di milioni di euro che non arriverebbero in cassa senza Buffon e compagni alla rassegna iridata, il Paese gia' fragile come immagine generale, prenderebbe un altro duro colpo. Quella c'è sempre, è normale in Italia. Ho visto i ragazzi nello spogliatoio, sono arrabbiati.

Raccomandato: