Forti scosse di terremoto: dall'Iran al Costa Rica. Sisma anche in Giappone

13 Novembre, 2017, 21:33 | Autore: Santina Resta
  • La terra trema in Medio Oriente, almeno 30 morti

E' salito ad almeno 213 morti il bilancio ancora parziale del terremoto di magnitudo 7,3 sulla scala Richter che ha colpito ieri sera il Nord-Est dell'Iraq e le regioni frontaliere di Iran e Turchia. Le scosse sono state avvertite soprattutto nei distretti provinciali di Quepos, Parrita e Garabito, di cui Jacó è capitale. La cittadina più colpita è quella di Sarpol-e Zahab. Altre vittime si contano in Iran, nella città di confine Qasr-e Shirin, stando a quanto riferito dalla televisione iraniana.

Due delle vittime - un uomo di 54 anni e una donna di 56 - sono morte nei dintorni di Jacò, nota località turistica sulla costa pacifica del Costa Rica, vicino all'epicentro delle scosse, mentre la terza - un giovane di 25 anni - è deceduto dopo il ricovero in un ospedale di Coronado. "Tutti i pazienti e il personale ospedaliero sono rimasti sepolti sotto le macerie". L'epicentro è stato localizzato sulla costa occidentale del Paese, a una profondità di 35 chilometri. Al momento si registrano crolli e molto panico, ma non vittime. Nell'aprile del 2013 la Repubblica islamica d'Iran fu colpita da due terribili scosse, a distanza di sei giorni l'una dall'altra, la prima di magnitudo 6,4, la seconda di 7,7, la più alta mai registrata nel Paese dal 1957. Il sisma, che secondo l'istituto geologico degli Stati Uniti avrebbe avuto magnitudo 6.5, è stato localizzato a circa 100 chilometri a sudovest della capitale San Josè. L'agenzia curda Rudaw riporta che anche la provincia iraniana di Illam è stata duramente colpita, come le città del Kurdistan iracheno di Halabja, Erbil e Duhok. Testimonianze riferiscono di molte persone uscite in strada nel panico, vetri rotti e oggetti caduti dagli scaffali.

Raccomandato: