Casa » Sport

Milan, approvato il bilancio del primo semestre 2017: 32 milioni di perdita

13 Novembre, 2017, 15:37 | Autore: Eufebio Giannola
  • Logo Ac Milan

ANCORA CONTATTI - Durante la chiacchierata con i piccoli azionisti (che in questa ultima fase di copertura perdite, come previsto a maggio, dovranno versare la loro quota: si tratta nella maggior parte dei casi di qualche centinaio di euro) Fassone ha fatto il punto su vari aspetti.

Marco Fassone, amministratore delegato del Milan, oggi ha preso parte all'assemblea dei soci. Quello più caldo è certamente il calciomercato. Nel frattempo - come si apprende dalle agenzie - l'ad Fassone avrebbe spiegato ai piccoli azionisti che il Milan non interverrà sul mercato a gennaio "a meno che non sia strettamente necessario". Ma non sono state fornite informazioni più dettagliate. L'ex dirigente di Inter, Napoli e Juventus è molto fiducioso per il futuro e spera di pareggiare il bilancio nel terzo anno di gestione, cioè nel 2019-2020, anno in cui tra l'altro sarà possibile una quotazione in borsa. Se il club riterrà che può essere acquistato un giocatore più funzionale al progetto, ecco che venderà il top player attualmente in rosa per arrivare all'obiettivo di mercato. La priorità del management rossonero per il medio termine è quella dello stadio di proprietà.

Fassone ha confermato anche l'ipotesi del rifinanziamento del doppio debito contratto con Elliott (180 in seno alla proprietà, 123 in seno al club) tramite Bgb Weston, rimarcando però il mancato coinvolgimento dell'ex ad della Juventus Giraudo che per la società londinese lavora esclusivamente nel settore immobiliare. Il Milan è soddisfatto del lavoro svolto, ma c'è la consapevolezza che, essendo il primo caso in assoluto, la decisione potrebbe non essere soltanto economica. Giovedì è stato presentato il programma e la risposta dalla UEFA è attesa entro Natale. Si stanno effettuando delle ricerche sul territorio per trovare l'area più idonea e si terranno conto delle preferenze dei tifosi.

Raccomandato: