Estorsione a due dipendenti Arrestato candidato Cinquestelle

14 Novembre, 2017, 10:32 | Autore: Santina Resta

La Gaipa, che è stato il primo dei non eletti per il Movimento 5 Stelle, ha ottenuto oltre 4mila voti ed è arrivato alle spalle di Matteo Mangiacavallo (14mila) e Giovanni Di Caro (5.900). Se ci fosse riuscito, sarebbe stato il primo degli i deputati regionali grillini.

Con l'accusa di estorsione, la Squadra mobile di Agrigento ha arrestato Fabrizio La Gaipa, imprenditore di 42 anni, primo dei non eletti nella provincia di Agrigento alle scorse elezioni regionali siciliane. Fino ad agosto era anche presidente del Consorzio Turistico Valle dei Templi. Nel collegio provinciale il M5s, con 47.479 preferenze (il 27,34%), è la prima lista.

Per il 42enne, di professione imprenditore, l'accusa è quella di estorsione.

La Gaipa, proprietario e gestore di un noto albergo ad Agrigento, è accusato da alcuni suoi dipendenti di pesanti irregolarità sulle dichiarazioni al Fisco. In pratic al'ipotesi è che La Gaipa si sia fatto restituire parte degli stipendi o abbia ottenute firme su buste maggiorate rispetto ai reali emolumenti e che i dipendenti abbiano accettato per tkimore di essere licenziati.

Nell'inchiesta della Procura di Agrigento - condotta dal sostituto Carlo Cinque, coordinato dal procuratore Luigi Patronaggio - più di una fonte riferisce che i tempi - dopo il congelamento del fascicolo in campagna elettorale per una scelta di low profile dei magistrati - adesso sarebbero maturi per delle clamorose novità giudiziarie.

Raccomandato: