Scomparsa Renata Rapposelli: marito ingerisce farmaci e finisce in ospedale, è grave

14 Novembre, 2017, 15:26 | Autore: Santina Resta
  • Scomparsa Renata Rapposelli l’ex marito tenta il suicidio

Il giovane, indagato assieme al padre per concorso in omicidio, è arrivato verso le 11 nel comando provinciale carabinieri. Era atteso per questa mattina l'interrogatorio di Giuseppe e Simone Santoleri. L'artista è scomparsa il 9 ottobre durante il tragitto da Giulianova (dove vivono i Santoleri) ad Ancona, residenza della pittrice.

I sanitari non si esprimono sulle sue condizioni, che vengono ritenute gravi, e non si esclude che all'origine del gesto possa esserci un tentativo di togliersi la vita attraverso l'ingestione di barbiturici.

Gli indagati, per il momento, sono due: l'ex marito e il figlio della Rapposelli, Simone Santoleri. Entrambi, difesi dagli avvocati Alessandro Angelozzi e Gianluca Carradori, hanno detto di non aver idea di cosa possa esserle successo da quando l'hanno portata a Loreto.

Infatti, gli elementi in mano agli inquirenti rafforzano sempre più l'ipotesi che il corpo ritrovato in contrada Pianarucci a Tolentino sia quello della pittrice: analogie fra i vestiti indossati dalla donna il giorno della scomparsa e una medaglietta con una Tao trovata sul cadavere uguale a quella della Rapposelli. Questo si evincerebbe da una ciocca di capelli di colore chiaro e dall'abbigliamento, per quanto ne è rimasto.

A fare ipotizzare questo è il fatto che il corpo è stato trovato in posizione fetale, rannicchiato, come se la donna avesse cercato in qualche modo di difendersi, non potendo muoversi dall'inferno in cui era caduta.

Raccomandato: