Di Maio, con noi ritiro da Afghanistan

15 Novembre, 2017, 03:34 | Autore: Bianca Mancini
  • Di Maio da Fazio:

"Gli Usa alleati principali, la Russia interlocutore storico". "Non c'è pregiudizio ideologico", ha detto. "Parlerò del Movimento e delle nostre intenzioni sulla squadra di governo" al "netto della disinformazione e delle impressioni sbagliate che possiamo avere dato", ha aggiunto, ricordando che "le elezioni siciliane ci hanno confermato come prima forza politica del Paese". Addirittura, si è ipotizzato in alcuni casi che il M5S prendesse soldi dal Cremlino. La Gaipa, ha precisato, "non e' un eletto" e "non e' un portatore di voti".

Altro che Russia (vera passione di Matteo Salvini), Luigi Di Maio ha scelto gli Stati Uniti per il suo primo viaggio all'estero da candidato premier e da capo politico del MoVimento 5 Stelle.

"Vogliamo riprodurre in Italia la riforma fiscale che si sta facendo negli Stati Uniti". "Per noi quello è un intervento che per la spesa pubblica italiana è insostenibile".

Inevitabile, poi, una riflessione sul voto in Germania: "Noi siamo l'unico argine a quelli che sono gli estremismi in Europa, fermo restando che poi il voto mostra anche che i partiti tradizionali sono in declino", ha chiosato Di Maio. "Sul piano bilaterale Italia-Usa e dei rapporti Ue-Usa lavoriamo per proteggere il nostro mercato interno in un'ottica di scambi, la priorita' e' l'export delle nostre eccellenze e li' ci sono ancora tante cose da fare, soprattutto nell'agroalimentare". In programma anche un incontro con la comunità italiana a Washington e, in particolare, con alcuni imprenditori, ai quali esporrà la teoria dello Stato innovatore sostenuta dall'economista Marianna Mazzuccato, cui Di Maio ha espressamente dichiarato di rifarsi. "Spero di poterne parlare oggi con membri congresso dare alle nostre imprese maggiori possibilita' di esportazione in questo paese, c'e' una grande domanda ma ci sono anche delle dinamiche commerciali che potrebbero essere favorite".

Raccomandato: