Banca Carige, salta il consorzio di garanzia per l'aumento di capitale

16 Novembre, 2017, 16:17 | Autore: Doriano Lui
  • Giuseppe Tesauro e Vittorio Malacalza

Apertura in calo per Piazza Affari, con le banche di nuovo sotto pressione dopo l'annuncio del mancato accordo tra Banca Carige e il consorzio di banche che aveva sottoscritto un accordo di pre-underwrigting per l'aumento di capitale da 560 milioni di euro (di cui 60 milioni riservati agli obbligazionisti che avevano concambiato i titoli junior in senior nell'ambito della collegata operazione di liabilities management), non essendosi a giudizio degli istituti "pienamente realizzate" le condizioni per la costituzione del consorzio di garanzia. I titoli sono stati quindi sospesi dalle contrattazioni di Borsa, anche perché nel frattempo si è riunito un consiglio di amministrazione straordinario "per informare Consiglieri e Sindaci della situazione e valutare i prossimi passi". Le ultime voci circolate parlavano di un prezzo inferiore ai 5 centesimi per azione che sarebbe stato fissato inizialmente per l'aumento, rispetto ai 14,73 centesimi della chiusura di ieri, ma alcuni osservatori avevano ipotizzato un prezzo anche solo di 1 o 2 centesimi a titolo e un "bonus" per chi avesse mantenuto le azioni in portafoglio per un determinato periodo di tempo.

Ora che cosa può succedere? L'Amministratore Delegato, si legge in una nota, "facendo leva su quanto già realizzato del piano di rafforzamento patrimoniale presentato il 3 luglio scorso verificherà nelle prossime ore l'esistenza dei presupposti per il proseguimento del piano di risanamento della Banca e per una eventuale proroga dei termini dell'operazione di aumento di capitale". Ancora il tallone d'achille, dopo gli annunci della Vigilanza sul trattamento degli stock dei crediti deteriorati in futuro, del sitema bancario italiano. Le azioni del Creval hanno chiuso la seduta in ribasso del 6,15% a 1,42 euro.

Seduta da dimenticare anche per Mps che ha perso il 4,9% chiudendo su nuovi minimi a 3,49 euro, pur tentando di limare i danni sul finale. Una fonte conferma le indiscrezioni secondo cui i vertici di Carige sarebbero in pressing su Unipol per convincerla a prendere parte all'aumento di capitale.

Raccomandato: