Autonomia del Veneto, muore l'economista Buratti. Slitta il tavolo con il governo

23 Novembre, 2017, 20:17 | Autore: Bianca Mancini
  • Luca Zaia

"Va bene quindi il dialogo ma non la coercizione". Quel giorno i cittadini di Sappada approvarono il ritorno della località al Friuli Venezia Giulia, dando dunque inizio al conseguente iter burocratico che si è concluso solo oggi.

"Noi rispettiamo le sentenze, ma ci tengo a dire che il Veneto non è mai stata una regione no-vax".

Il tavolo con il governo, la trattativa per l 'autonomia della Regione Veneto, che si doveva aprire ieri a Roma, è stato rinviato al 1 Dicembre. E' la reazione del presidente Luca Zaia al voto della Camera che ha approvato la legge per il distacco di Sappada dal Veneto, e l'aggregazione al Friuli Venezia Giulia. Zaia ha quindi buon gioco a fare del caso Sappada uno "scandalo" e a riproporre nel contenzioso con il governo - senza risparmiare sui decibel, come da tradizione - la sua visione dura-e-pura dell'autonomia veneta presentata come progetto più razionale rispetto all'esodo opportunistico dei singoli Comuni. Ma la scelta a Roma è di usare come cura l'amputazione, invece di riconoscere che quella veneta è una questione cruciale. Domani sarà Cortina d'Ampezzo, poi chissà.

Il sottosegretario Gianclaudio Bressa, che in Parlamento si era astenuto sul caso Sappada, si è detto d'accordo con Zaia: "La vicenda di Sappada è un'aberrazione. Aver conseguito questo risultato è una delle gratificazioni profonde di questa mia legislatura". L'autonomia prevista dall'articolo 15 comma 5 dello Statuto del Veneto e dalla Legge regionale n. 25 del 2014 finora è rimasta lettera morta, è stato necessario un referendum per ridare voce a un intero territorio. La Corte Costituzionale, infatti, valuterà il ricorso della Regione Veneto contro la presidenza del Consiglio dei ministri per le norme del decreto legge 73 del 2017, convertito nella legge 119 entrata in vigore il 6 agosto scorso. Respinta anche la formale richiesta di rinvio avanzata dal presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti.

Raccomandato: