Casa » Sport

Milan, Storari: "Bonucci? Non l'ho mai visto in difficoltà"

23 Novembre, 2017, 20:11 | Autore: Eufebio Giannola
  • Gianluigi Donnarumma

IL MERCATO - Nella lunga intervista immancabile un accenno alla difficoltosa prima metà di stagione, dopo la rivoluzione di mercato estiva: "Siamo una squadra che ha cambiato tanto, acquistando grandi giocatori in estate. Penso che il Milan abbia un grande futuro davanti a sè".

"Tutti dicono che io sono il suo successore ma ho tanto, tanto da lavorare". Ma lui, il diretto interessato, non sembra pensare troppo a questo bensì all'idea di diventare il numero uno assoluto.

Sull'Europa: "È il posto che il Milan merita, dove deve stare". Il classe 1999 ha sempre tifato Milan ma, con i soldi che girano in questo periodo storico nel mondo del calcio e con l'abilissimo procuratore che si ritrova, è tutt'altro che scontato che concluda la sua carriera all'interno dei cancelli di Milanello. Siamo una squadra molto giovane e con molto talento. Sono sempre stato un appassionato tifoso del Milan: quando sbagliava un rigore piangevo o facevo dei 'disastri' anche perché mia mamma è napoletana. Ho sempre sognato di indossare questa maglia fin da bambino. "Milan-Napoli a casa mia era un vero spettacolo".

In conclusione il racconto dell'esordio da titolare nel Milan, e soprattutto le sensazioni di quel momento, con Donnarumma ancora incredulo per la scelta di Mihajlovic: "Ancora non ci credo". Sono partito con Mihajlović come terzo portiere. "La prima partita? È stata fantastica, ricordo un incredibile entusiasmo". "E' un processo di crescita che si sta prolungando, preferirei una brutta prestazione e i tre punti, ma stiamo arrivando ad una maturità tale che possa farci andar bene". È arrivato il giorno in cui mi ha chiamato nello spogliatoio e ha deciso di farmi giocare.

Donnarumma tifoso del Milan, Kakà e Shevchenko gli idoli di Gigio. "Ero sorpreso sì ma niente paura perché avevo tanta voglia di dimostrare".

Raccomandato: