Milano, corteo degli studenti contro l'alternanza scuola-lavoro: fumogeni e lanci di uova

16 Dicembre, 2017, 20:37 | Autore: Santina Resta
  • Attendere un istante stiamo caricando il video

Non sono mancate le azioni eclatanti di protesta, quelle che i collettivi studenteschi chiamano "sanzioni": sedi delle diverse aziende che usufruiscono della manodopera fornita dall'alternanza scuola-lavoro (manodopera gratuita e sfruttata, secondo quanto sostengono gli studenti) sono diventate il bersaglio della protesta: la sede del comitato organizzatore del Salone del Mobile, una stazione di servizio Agip, un supermercato Pam, il McDonald's in piazza XXIV maggio e un ufficio postale. Per loro, ci raccontano, è l'unico modo per riuscire a fare ascoltare la propria voce. Un corteo è partito questa mattina alle 9.30 da largo Cairoli, sfilando lungo le vie del centro e concludendosi davanti alla sede di Assolombarda.

"Non è possibile immaginarsi di migliorare un meccanismo malato - riferiscono - che impone a un esagerato numero di studenti un esagerato monte ore da spendere in esperienze volte a modificare la scuola pubblica sullo stampo di un già disastrato mondo del lavoro basato su sfruttamento, precarietà e sottoretribuzione, a danno dell'effettiva formazione". "Abbiamo l'esigenza di spezzare le tante catene dello sfruttamento che ci costringono ad accettare queste condizioni!". Per questo oggi pomeriggio saremo in piazza nel grande corteo popolare "Fight/Right! Vogliamo imporre le rivendicazioni dei tanti che oggi non hanno alcun potere decisionale sul proprio presente, esclusi dalla società, per realizzare nel Paese una svolta radicale con i diritti, il reddito e il rispetto della dignità per tutte e tutti".

Raccomandato: