Influenza, boom di ammalati in una notte: in 300 al Pronto Soccorso

05 Gennaio, 2018, 13:50 | Autore: Fausta Monteleone
  • CUORGNE- Un solo medico in servizio al pronto soccorso code e disagi a causa dellinfluenza

Tra il 31 dicembre e il 2 gennaio i parmigiani che sono rivolti al Pronto soccorso del Maggiore e all'ambulatorio urgenze pediatriche sono stati circa 830 ( oltre 300 nella sola giornata di ieri), di questi come nel periodo natalizio circa un terzo sono persone anziane pluripatologiche che spesso necessitano delle cure dei reparti internistici dell'Ospedale di Parma.

"Il termine emergenza per definire il boom di accessi ai pronto soccorso durante le festività è appropriato, il picco influenzale è arrivato in anticipo in coincidenza con le polmoniti, ma il sistema ha retto, parlare di catastrofe è fuori luogo". Circostanza che ha ovviamente favorito il congestionamento della struttura. I pazienti ricoverati sono stati invece 268, contro i 307 nell'ultima decade del 2016, e hanno impegnato per lo più il reparto di Medicina generale e, a seguire, quello di Ostetricia e la Terapia intensiva. La media di accessi giornalieri ha toccato quota 124 utenti, a fronte di una media giornaliera distribuita sull'intero anno ferma a 92. Sono stati 186, invece, i ricoveri totali che, come per Lecco, hanno riguardato prevalentemente l'area medica. Sonia Viale però respinge le accuse al mittente: "Dopo anni di immobilismo che hanno caratterizzato le precedenti amministrazioni di centrosinistra - afferma - abbiamo affrontato e migliorato enormemente la gestione dei flussi all'interno dei pronto soccorso e degli ospedali". Dalla direzione strategica dell'Asst ringraziano inoltre "tutti gli operatori che si sono prodigati per ridurre al minimo i disagi causati dall'emergenza di questo periodo".

Raccomandato: