Tutti i soldi del mondo: trailer, trama e critica

05 Gennaio, 2018, 11:14 | Autore: Bianca Mancini
  • Tutti i soldi del mondo: trailer, trama e critica

Il rapimento del nipote preferito, infatti, non è per lui ragione sufficientemente valida per rinunciare a parte delle sue fortune, tanto da costringere la madre del ragazzo Gail (Michelle Williams) e l'uomo della sicurezza Fletcher Chace (Mark Wahlberg) a una sfrenata corsa contro il tempo per raccogliere i soldi, pagare il riscatto e riabbracciare finalmente il giovane Paul. "Quando Ridley ed io abbiamo preso la decisione di girare di nuovo con Christopher Plummer, tutto il cast e la troupe hanno aderito senza esitare, e non potremo mai ringraziarli abbastanza per il totale impegno dimostrato durante tutta la lavorazione". Eppure Jean Paul Getty (Christopher Plummer) non vuole pagare.

Una vicenda pubblica e privata che sconvolse il mondo per aver rivelato a tutti un'incredibile verità: che si può amare di più il denaro che la propria famiglia. Come ha dichiarato la Sony Pictures: "Il film non è il lavoro di una sola persona". Poteva essere lo spunto per un confronto teso e appassionante che però il film spreca con una serie di cadute che a volte rasentano la comicità involontaria (l'incontro di Chase con le Brigate rosse, che all'inizio sembravano coinvolte: per far capire chi sono, tengono uno stendardo con il loro nome ben in vista nel loro appartamento), a volte scivolano nei luoghi comuni più scontati (la corruzione o l'incapacità delle Forze dell'ordine italiane), a volte penalizzano attori altrove eccellenti (come Romain Duris nei panni del sequestratore Cinquanta, costretto a smorfie sovrumane, si immagina per via della sua origine calabra). "Sarebbe stata una gigantesca ingiustizia punirli tutti per gli errori commessi da un unico attore non protagonista".

Tutto inizia il 10 luglio 1973, quando Paul Getty III viene rapito a Roma a piazza Farnese dalla 'ndrangheta che chiede un riscatto di 17 milioni di dollari.

"Aveva fegato e cervello - dice Ridley Scott di Paul Getty III -".

Tutti i soldi del mondo: trailer, trama e critica

No, a imporsi è il vecchio petroliere Jean Paul Getty I, il grande e gretto magnate che, imbozzolato nella sua lussuosa solitudine, rifiuta di tirare fuori un solo penny per non trovarsi sul gobbo altri 14 nipoti rapiti.

Scritto da David Scarpa e liberamente ispirato al romanzo omonimo di John Pearson, il film è stato girato in Italia e ricostruisce alcuni inevitabili stereotipi sul nostro Paese, dai paparazzi ai malavitosi, dalle prostitute in strada all'omertà del Sud Italia.

Tuttavia da regista esperto e talentoso qual è, Scott sa come giocare le sue carte, impaginando con smalto il thriller, dando bel risalto alla sofferta e contenuta Gail della Williams (candidata, insieme al regista e a Plummer, al Golden Globe); e addensando intorno a Getty atmosfere gotiche che ne esaltano l'ambigua statura fino a una morte in vago odore di redenzione (anticipata di tre anni).

Raccomandato: