Casa » Sport

Gattuso fa 40,'soffro allenando,vorrei restare al Milan'

08 Gennaio, 2018, 17:38 | Autore: Eufebio Giannola
  • Calhanoglu soddisfatto: mi piace giocare largo a sinistra

Dire che vuole restare allenatore del Milan a fine stagione "è riduttivo" ma Rino Gattuso sa "che in questo momento bisogna fare risultati". Poi non ho cambiato il modo di parlare con le persone. Un mestiere difficile per chiunque: "Sento più pressioni e responsabilità". Tante volte l'esperienza la conferisce la credibilità. Da allenatore devi gestire più componenti: lo staff medico, la stampa e il resto. Allegri, che "si fa scivolare le cose e non si piange mai addosso". Un gruppo disponibile e determinato a cambiare le cose: "Mi hanno sorpreso per mentalità e la voglia che mettono negli allenamenti". Tanti hanno i piedi buoni ma spesso non giochiamo da squadra. Il problema è che non gioca molto da squadra.

Sulla sosta: "Non fanno male 3-4 giorni di pausa". Non credo che qualcuno darà il gps a qualche parente. Mi sarebbe piaciuto portare tutta la squadra a Dubai, con le famiglie. Ma purtroppo avevano già preso i biglietti per le rispettive destinazioni. Ecco i suoi obiettivi del nuovo anno: "Lavoro, lavoro e lavoro".

Per lui, quindi, potrebbe prospettarsi un girone di ritorno da protagonista con la maglia rossonera dopo una prima parte di campionato con più ombre che luci. Non siamo nelle condizioni di fare calcoli, dobbiamo pensare partita dopo partita. La priorità è migliorare a livello fisico e mentale. Poi vedremo dove saremo arrivati. Vincere aiuta a giocare meglio, permette di lavorare più sereni. "Ha capacità di entrare nella testa dei giocatori, sta lavorando tra molte difficoltà, diventerà un allenatore veramente importante".

Ed al fantacalcio, quindi, si rialzano le quotazioni di Calhanoglu che potrebbe finalmente ripagare l'investimento fatto all'asta per acquistarlo. Le vedo con la mia passione, con i miei occhi. Gattuso, martedì, festeggera il compleanno insieme al figlio Francesco, 11 anni, e la figlia Gabriela nata nel 2004, oltre che a sua moglie: "Spero che mi regali una torta - scherza il tecnico rossonero - e anche una bottiglia di vino rosso, o di Champagne".

Raccomandato: